Naufragio a Lampedusa, donna racconta la notte di terrore: "Ci siamo salvati così..."

Si chiama Lorraine ed era su quel barcone la notte della tragedia: una testimonianza piena di terrore e paura

Ha 24 anni, èd una giovane sopravvissuta al naufragio di Lampedusa. Si chiama Lorraine, ed ha ancora il terrore stampato in faccia.   

Barca carica di migranti si ribalta, recuperati 9 cadaveri: aperta inchiesta

Il bilancio delle vittime della tragedia - al momento - è di 13 persone. Il fatto è accaduto a circa 6 miglia da Lampedusa. A coordinare le operazioni investigative, legate alla strage, è il procuratore aggiunto di Agrigento, Salvatore Vella, arrivato sull'isola con la polizia. La Procura della Repubblica di Agrigento ha già aperto un fascicolo - contro ignoti - per naufragio e omicidio plurimo colposo.

"E' stato terribile - racconta la giovane all'Adnkronos. All'improvviso un gruppo di persone, soprattutto quelli provenienti dall'Africa, si sono messi tutti su un unico lato e la barca si è capovolta. Siamo tutti caduti in acqua, cercavamo di aggrapparci a qualcosa. Ma molti sono annegati. Gli uomini ella Guardia costiera e della Guardia di Finanza hanno provato a salvare tutti ma non è stato possibile".

La 24enne durante il racconto tiene stretto a se il marito, Nidal, 26 anni, e con una mano si accarezza la pancia. "Aspetto un bambino. E siamo tutti vivi, io, mio marito e il nostro bambino. Siamo felici. Anche se spaventati". Lorraine e Nidal arrivano dalla Tunisia. E sono due dei 22 sopravvissuti alla tragedia di Lampedusa, costata la vita a 13 donne. 

IL VIDEO. Si teme una strage: le immagini dell'arrivo dei cadaveri e dei superstiti al molo Favarolo

"Era buio fitto - racconta Lorraine - ed all'improvviso si è spento il motore. Dopo poco tempo abbiamo iniziato a imbarcare acqua. Ed è stato il caos. Nel giro di poco tempo sono arrivate le motovedette della Guardia costiera e della Guardia di Finanza. Ma molti di noi eravamo già caduti in acqua, c'erano anche due bambini piccoli. Una avrà avuto otto mesi, l'altro forse due o tre anni, Non di più. E due adolescenti sui 12 anni. E sono caduti in acqua. E' stato terribile. Ho ancora queste scene davanti agli occhi. Eravamo 14 tunisini e 38 africani".

La 24enne e suo marito passeggiano per le vie di Lampedusa, sono sopravvissuti ad una tragedia che, purtroppo, ha dei precedenti. 

"Siamo da Sfax in Tunisia - dice ancora - la barca è arrivata con a bordo già gli africani. Noi siamo saliti subito a bordo e siamo partiti. Quando abbiamo lasciato la Tunisia il mare era calmo. Poi, arrivati davanti alle coste di Lampedusa e anche prima il mare si è agitato e le onde erano molto alte. E all'improvviso si è spento il motore. C'era buio fitto. Una grande paura. "Un gruppo di persone - dice il marito della 24enne - si è agitato e siamo tutti caduti in mare, è stato terribile". A domanda quanto avete pagato per la traversata? La giovane risponde, così. "Niente. Abbiamo visto la barca e abbiamo iniziato a correre, poi siamo saliti a bordo e siamo saliti. Non parlo bene il francese - dice, dopo avere parlato a lungo in lingua francese - Ma non abbiamo pagato niente. Gli altri non sappiamo, ma gli africani sì". Secondo quanto appreso la traversata potrebbe essere 3.000 dinari per partire. Dove volete andare? "Non importa - dicono -  a noi basta stare insieme e cercare un futuro per la nostra famiglia, non importa se in Italia, in Francia o in Germania. Noi volevamo solo lasciare la Tunisia, perché lì non si può più vivere". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Transenna della Ztl sull'auto comprata 2 giorni prima: 40enne su tutte le furie

  • La mareggiata fa danni, annientato e distrutto uno dei principali chioschi delle Dune

  • "Disastro ambientale in via miniera Ciavolotta", imprenditori di mezza provincia l'avevano trasformata in discarica: 44 indagati

  • Incidente sulla statale Agrigento-Raffadali: una persona in ospedale

  • "Testate all'ex fidanzata per farla abortire", ventunenne rinviato a giudizio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento