L'incidente mortale alla diga Furore, due iscritti nel registro degli indagati: fissati per domani i funerali delle vittime

L'inchiesta, al momento, ruota su un unico fulcro: il montacarichi utilizzato che potrebbe non essere stato idoneo

L'elicottero per i soccorsi arrivato sul luogo della tragedia

I funerali dei caduti sul lavoro: Francesco Gallo e Gaetano Cammilleri si svolgeranno domani, alle 16, alla chiesa di Sant'Agostino di Naro. Ad annunciarlo è stato il capo dell'amministrazione di Naro, città dove si è verificata la tragedia, Lillo Cremona. Sarà presente, naturalmente, anche il sindaco di Favara Anna Alba. I due amministratori per la giornata di domani hanno proclamato, in entrambe le città, il lutto cittadino. 

Incidente alla diga, muoiono due operai

Le salme dei due lavoratori - vittime dell'incidente verificatosi alla diga Furore - sono state dissequestrate in tarda mattinata. La Procura, avendo acquisito ormai un quadro chiaro, non ha ritenuto di dover disporre l'autopsia. Per avere certezza delle cause della morte del sessantunenne e del cinquantacinquenne è bastata, infatti, l'ispezione cadaverica già effettuata. 

L'inchiesta sulla tragedia di Naro, si indaga sul montacarichi

Nel registro degli indagati - poco dopo le 13 - sono stati, ufficialmente, iscritti il dirigente regionale del dipartimento acque e rifiuti, Gaetano Valastro di 52 anni di Catania, e il titolare della ditta che si occupa della manutenzione degli impianti della diga Furore: Francesco Mangione, 53 anni, di Raffadali. L'iscrizione nel registro degli indagati costituisce l'avvio del procedimento penale e delle cosiddette indagini preliminari. Il fascicolo di indagine, per omicidio colposo, inizialmente aperto contro ignoti, adesso diventa contro noti. A coordinare l'inchiesta è il sostituto procuratore Salvatore Vella.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il VIDEO. Il luogo dove è avvenuta la tragedia

L'inchiesta, al momento, ruota su un unico fulcro: il montacarichi utilizzato. Un montacarichi che non era idoneo - stando a quanto è stato accertato da investigatori e inquirenti - a trasportare delle persone, ma al massimo del materiale. Su quel montacarichi, però, ieri mattina, sono saliti - per avviare i lavori di manutenzione di una torre di controllo della diga: Francesco Gallo di 61 anni di Naro e Gaetano Cammilleri che fra meno di un mese avrebbe compiuto 56 anni. Il montacarichi ha ceduto e i due tecnici sono precipitati, da un'altezza di circa 32 metri, dentro il "sovrappieno", una vasca - che era vuota al momento dell'incidente sul lavoro - che viene utilizzata per lo stoccaggio delle acque. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in viale Emporium, auto contro scooter: quattro feriti e un morto

  • Accusa un malore e si accascia, tragedia in città: muore un 35enne

  • Temporali in arrivo, diramata una nuova allerta meteo "gialla"

  • Coronavirus, l'incubo non è finito: donna positiva al tampone

  • Frana il costone di Maddalusa, solo paura per i bagnanti: nessun ferito

  • Il Coronavirus spaventa ancora, Musumeci e Razza: "Se contagi salgono si chiude"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento