menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fabrizio Messina

Fabrizio Messina

"Viola la sorveglianza per andare nella pescheria del fratello", Messina chiede l'abbreviato

Per questi fatti, poco più di un anno fa, fu arrestato: la difesa vuole unificare i processi

Giudizio abbreviato e unificazione dei due procedimenti “gemelli”: è la strategia processuale dell’avvocato Salvatore Pennica, difensore del boss Fabrizio Messina, 43 anni, che solo di recente ha finito di scontare la nuova condanna per mafia e adesso è finito a processo per l’accusa di violazione delle misure della sorveglianza speciale.

Il boss Messina ancora a giudizio

Messina, che per questi fatti, nel febbraio dell’anno scorso, fu arrestato, è accusato di essere andato più volte nella pescheria del fratello Valentino, prossima all'inaugurazione, frequentando numerosi pregiudicati e violando, in questo modo, le prescrizioni della misura di prevenzione che gli era stata applicata dal tribunale in virtù della presunta pericolosità sociale.

Oggi, davanti al giudice monocratico Alessandro Quattrocchi, la difesa ha chiesto il giudizio abbreviato. Il 22 maggio sono in programma le conclusioni ma l’avvocato Pennica ha annunciato che chiederà la riunione con un altro procedimento che pende, nella fase dell’udienza preliminare, davanti al giudice Stefano Zammuto: il secondo fascicolo scaturisce da alcuni episodi analoghi e precedenti a quelli per cui fu arrestato che risalgono al 27 gennaio. La difesa chiederà di trattarli insieme.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Rapina in banca con bottino record, chieste tre condanne

  • Cronaca

    Crescita dei contagi e assembramenti, Micciché pronto al "pugno duro"

  • Cronaca

    Imbrattano i muri e tentano il furto, la Scientifica trova impronte digitali

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento