menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una veduta del porto di Lampedusa

Una veduta del porto di Lampedusa

Sbarchi, Martello: "Rotta libica sempre più attiva", gli 007: "Rischio infiltrazioni terroristi"

L'attività di intelligence fa "ancora escludere un ricorso sistematico ai canali dell'immigrazione clandestina per la movimentazione di jihadisti"

"La crisi di governo si era aperta, e successivamente si è chiusa, attorno al Recovery Plan ma ci sono altre emergenza che l'Italia ha il dovere di affrontare: qui a Lampedusa siamo preoccupati, la rotta Libica è sempre più attiva e non so cosa potrà succedere quando le condizioni del mare saranno ancora più favorevoli alla navigazione". Lo dice Totò Martello, sindaco di Lampedusa e Linosa, dove nelle ultime ore proseguono gli arrivi di migranti. "In questo momento la gestione della prima accoglienza è tutto sommato sotto controllo - aggiunge - anche perché con le navi quarantena predisposte dal ministero degli Interni si riesce ad alleggerire la pressione sull'hot spot. Ma nelle prossime settimane, quando i numeri cresceranno, cosa succederà? Se non si interviene sulle cause e sui Paesi di origine dei flussi migratori, continueremo a passare da un'emergenza all'altra. Mi auguro che il governo Draghi dedichi la massima attenzione ai tanti aspetti che riguardano le migrazioni - prosegue Martello - sia in Italia che in Europa servono azioni politiche e gestionali pianificate, serve un nuovo approccio all'intero fenomeno che porti ad una migrazione 'ordinata, regolare e sicura' e che al tempo stesso sostenga i territori di confine".

Raffica di sbarchi a Lampedusa: arrivati in 371 nel giro di poche ore

Gli arrivi di migranti attraverso la frontiera terrestre, così come gli sbarchi fantasma dal Nordafrica o dalle sponde turco-elleniche, "restano, sul piano della sicurezza, le modalità d'ingresso più critiche, rispetto alle quali i rischi sanitari connessi alla possibile dispersione sul territorio nazionale di soggetti positivi al virus sono andati ad aggiungersi al pericolo di infiltrazioni terroristiche". Lo evidenzia la relazione annuale dell'Intelligence pubblicata oggi.

"Su quest'ultimo versante - si legge, secondo quanto riporta l'Ansa, nel documento - le risultanze della serrata attività d'intelligence, condotta in raccordo con le forze di polizia e in collaborazione con i Servizi collegati esteri, fanno ancora escludere un ricorso sistematico ai canali dell'immigrazione clandestina per la movimentazione di jihadisti, ribadendo peraltro la sussistenza di rischi connessi all'eventualità che nei centri di confluenza/accoglienza dei migranti possano maturare processi di radicalizzazione islamista". Inoltre, aggiungono i servizi, "mirata attenzione informativa è stata riservata al settore del falso documentale, che vede spesso l'interazione tra circuiti criminali e terroristici". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento