menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lampedusa è accerchiata dai "barchini": 9 sbarchi in poche ore, hotspot di nuovo al collasso

Il sindaco: "Se arrivano e poi vengono trasferiti altrove, problemi non ce ne sono. Si creano invece, nel momento in cui i migranti vengono tenuti sull'isola per giorni"

Sono diventati 9 i "barchini" che in poco meno di 18 ore sono giunti a Lampedusa. Gli ultimi due - con a bordo rispettivamente 10 e 15 tunisini - sono riusciti a spingersi fino al porto. Da poco prima delle ore 20 di ieri, sulla più grande delle isole Pelagie, sono sbarcati un totale di 176 extracomunitari. All'hotspot di contrada Imbriacola ci sono circa 300 persone, a fronte di una capienza massima per 95. Per domani, per provare ad alleggerire la struttura di prima accoglienza, è in fase di organizzazione un trasferimento con il traghetto di linea. Si teme, fra l'altro, viste le condizioni del mare, che non sia affatto finita e che, cioè, gli approdi possano proseguire con lo stesso ritmo delle ultime ore. 

"Nave madre" scarica 7 "barchini"? Sbarcati 151 migranti in otto ore

Barconi sono arrivati anche a Pantelleria e a Trapani. Di fatto, nelle ultime ore, è l'intera Sicilia ad essere letteralmente circondata da microscopiche "carrette del mare" cariche di migranti di diverse nazionalità, ma per la maggior parte tunisini.

"Nessuna emergenza a Lampedusa - garantisce il sindaco Totò Martello - . La situazione non è mai cambiata. I migranti sono sempre arrivati, anche prima, perché il problema non è mai stato affrontato e risolto. Se a Lampedusa arrivano e poi vengono trasferiti altrove, problemi non ce ne sono. Si creano invece, dal momento in cui i migranti vengono tenuti a  Lampedusa per giorni. Ma se continua così significa che gli impegni  che abbiamo preso con questo ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, funzionano. Col precedente ministro - osserva il sindaco - nemmeno  parlavamo". 

Doppio sbarco a Lampedusa, i tunisini: "Dove attracca il traghetto per Porto Empedocle?"

"Le persone dovrebbero essere prese e arrivare qua in sicurezza, con i canali regolari, con i corridoi umanitari" - ha detto, invece, Pietro Bartolo, medico e 
europarlamentare, commentando l'ondata di migranti arrivati a Lampedusa nelle ultime ore - . Bisogna cambiare totalmente registro, non si può arrivare attraverso il mare, anche perché li mettono ormai su barche veramente ridicole, piccolissime e pericolosissime".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento