Doppio sbarco a Lampedusa, i tunisini: "Dove attracca il traghetto per Porto Empedocle?"

Subito dopo l'approdo, i migranti hanno chiesto ai pescatori come fare ad arrivare alla banchina dove arriva la motonave: "Vogliamo andare in Francia"

Un barchino, con 44 migranti, è stato intercettato a poche miglia da Lampedusa, da una motovedetta della Guardia costiera. Gli extracomunitari sono stati portati all'hotspot. Si tratta del secondo approdo, dopo gli 8 tunisini sbarcati alle 5,30, nel giro di poche ore.

All'alba, appunto, sono sbarcati gli 8 tunisini, tra cui due minorenni. Ad aiutarli sono stati alcuni pescatori che, in quel momento, erano al lavoro sulla banchina commerciale. Dopo essere scesi a terra si sono diretti in un bar del centro per fare colazione. A rintracciarli, poco dopo, ci hanno pensato i carabinieri.

A quanto pare, gli otto tunisini avevano anche chiesto ai pescatori dove attraccava il traghetto diretto a Porto Empedocle, spiegando di volere andare in Francia per ricongiungersi con il resto della loro famiglia. "In Tunisia non riusciamo a vivere - ha spiegato uno di loro che parlava l'italiano in modo abbastanza corretto - la paga è insufficiente, un muratore guadagna 30 dinari al giorno ma per acquistare un chilo di carne, ne occorrono 28; così non si riesce a sopravvivere per questo andiamo via per cercare di potere lavorare e guadagnare quello che serve per vivere".

Un gruppo di 34 migranti, ospiti dell'hotspot, è stato trasferito con il traghetto di linea che giungerà in serata a Porto Empedocle. Nella struttura di contrada Imbriacola restano, al momento, appena 56 extracomunitari. Di fatto, se non ci fossero stati i due ultimi sbarchi, l'hotspot oggi sarebbe dovuto rimanere con all'interno solo 4 persone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Temporali, vento e grandine: strade chiuse, crolli, alberi caduti ... ma Licata è in ginocchio

  • La mareggiata fa danni, annientato e distrutto uno dei principali chioschi delle Dune

  • Transenna della Ztl sull'auto comprata 2 giorni prima: 40enne su tutte le furie

  • Non si ferma all'Alt e fugge lungo la 115, bloccato 17enne: multe per 10 mila euro

  • "Disastro ambientale in via miniera Ciavolotta", imprenditori di mezza provincia l'avevano trasformata in discarica: 44 indagati

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento