Mafia e Stiddra tornano ad armarsi: a disposizione anche kalashnikof ed esplosivi

A tracciare un quadro inquietante è la Dda di Palermo, nel contesto della relazione della Corte d'Appello sul nuovo anno giudiziario

Le organizzazioni mafiore operanti in provincia di Agrigento sono dotate di una "notevole disponibilità di armi da fuoco, anche del tipo da guerra", come kalashnikov ed esplosivi e, soprattutto, hanno ripreso ad usarle con disinvoltura e ferocia.

E' questo il quadro allarmante presente nella relazione del presidente della Corte di Appello di Palermo, Matteo Frasca, letta in occasione delle cerimonia d’inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel riportare quanto scritto dalla Direzione distrettuale antimafia rispetto alle attività condotte nella lotta alla mafia, si rileva come sia "emersa la piena operatività dell’associazione mafiosa" nelle province di Agrigento e Trapani.

La relazione Dia 2019: ecco perché cosa nostra resta forte in provincia

"In particolare, in quella agrigentina, oramai da almeno quattro anni, si sono verificati una impressionante serie di fatti di reato quali omicidi e tentati omicidi, nonché rinvenimento di veri e propri arsenali di armi da cui desumere la progressiva recrudescenza di fatti criminosi di sangue nel territorio, dopo un periodo di sostanziale 'silenzio' da parte delle organizzazioni mafiose ivi operanti, sia cosa nostra che stidda, e la notevole disponibilità di armi da fuoco, anche del tipo da guerra (kalashnikov, esplosivi e altro), da parte delle medesime organizzazioni criminali".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La droga è tornata ad essere il business principale dei mafiosi

La relazione evidenzia, inoltre la "dimostrata capacità di alcune famiglie mafiose agrigentine di infiltrare talune logge massoniche avvalendosi in particolare della illecita contiguità di un funzionario della Regione Siciliana, maestro venerabile della loggia massonica di Palermo (inquadrata nel Goi), il quale risulta avere sistematicamente messo a disposizione della consorteria mafiosa la privilegiata rete di rapporti intrattenuti con professionisti ed esponenti delle istituzioni in gran parte anch’essi massoni". Il riferimento è probabilmente all'operazione "Halycon".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

  • Boom di contagiati da Covid 19 a Sciacca, adesso sono 29: ci sono anche un neonato e la sua famiglia

  • Schizza il bilancio dei positivi nell'Agrigentino, ancora casi a Canicattì e Licata

  • Passeggero della Tua positivo al Covid 19, l'Asp: "Chi ha viaggiato su questo bus ci contatti immediatamente"

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): 6 per Agrigento, arrivano i primi tamponi rapidi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento