rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
La requisitoria / Sciacca

"Incendiò bosco, provocando danno di quasi 7 milioni di euro", Procura chiede condanna di 37enne

Per la difesa, l'imputato è estraneo ai fatti: non ha appiccato alcun rogo e va assolto. Il giudice monocratico del tribunale, Dino Toscano, ha rinviato per repliche e sentenza all’11 novembre

La Procura di Sciacca ha chiesto la condanna ad un anno e 6 mesi di reclusione per Paolo La Bella, 37 anni, saccense, imputato nel processo per l’incendio del luglio 2017 in contrada Pierderici, a Sciacca, che ha causato un danno economico quantificato dall’Ispettorato ripartimentale delle Foreste di Agrigento in quasi 7 milioni di euro, oltre all’evacuazione di una scuola dove si stava svolgendo il grest e di tre palazzi. Lo riporta oggi il Giornale di Sicilia. Per la difesa, rappresentata dall’avvocato Giuseppe Scorsone, La Bella è estraneo ai fatti, non ha appiccato alcun incendio e va assolto. Il giudice monocratico del tribunale di Sciacca, Dino Toscano, ha rinviato per repliche e sentenza all’11 novembre. 

La Bella è stato individuato poco dopo il rogo come presunto responsabile dai carabinieri della compagnia di Sciacca. L’incendio ha distrutto sei ettari del bosco di Pierderici. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Incendiò bosco, provocando danno di quasi 7 milioni di euro", Procura chiede condanna di 37enne

AgrigentoNotizie è in caricamento