menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il prefetto Dario Caputo

Il prefetto Dario Caputo

Coronavirus e Mandorlo annullato, il prefetto: "Prioritario l'interesse della salute pubblica"

Dalla direzione sanitaria dell'Asp: "Abbiamo i kit e tutto quello che serve per fronteggiare, vengono fatti anche i tamponi rinofaringeo che vengono poi inviati a Palermo"

“Davanti all’interesse della salute pubblica degli agrigentini e degli italiani tutti, qualsiasi altro interesse non può che venir meno. Dal canto nostro resteremo a stretto contatto con l’Asp per valutare sistematicamente tutte le evoluzioni. Non è certamente allarmismo, ma è tempo di prudenza!”. Lo ha detto, ieri sera, a margine del vertice svoltosi in Prefettura, il prefetto di Agrigento Dario Caputo. 

Paura per il Coronavirus, salta l'edizione 2020 del Mandorlo in fiore 

Ragionevolmente – anche di questo s’è discusso nella riunione che c’è stata fino a sera fra prefetto, sindaco di Agrigento, vertici dell’Asp e di ospedale e delle forze dell’ordine – i contagi potrebbero arrivare anche al Centro Sud. E nel giro di poco tempo. Il Mandorlo in fiore è stato ritenuto un tipo di manifestazione che può essere veicolo di contagio e di diffusione del virus. Dovevano arrivare – complessivamente erano attese 1.100 persone – delegazioni internazionali asiatiche, dal Sud America e da tutta Europa. “Non ci sono casi sospetti. Siamo e resteremo a stretto contatto con l’Asp per tutte le evoluzioni, ma il Mandorlo in fiore è quell’evento che attira e aggrega gente da ogni parte della Sicilia, dell'Italia e dal mondo” – ha aggiunto il prefetto Caputo - .

"C'è un sospetto caso di Coronavirus al pronto soccorso", l'allarme viaggia su Whatsapp: è una fake news

“Nessuno potrebbe mai sapere se fra i partecipanti al festival o fra i visitatori, che arrivano da ogni parte del mondo, possa esservi un paziente ‘zero’ o una persona già contagiata – hanno spiegato dalla direzione sanitaria dell’Asp e dall’omologa direzione del ‘San Giovanni di Dio’ - . Abbiamo i kit e tutto quello che serve per fronteggiare qualche caso di Coronavirus, così come vengono fatti i tamponi rinofaringeo che vengono poi inviati a Palermo. Anche se non c’è il reparto di Malattie infettive, l’Asp è attrezzata per fronteggiare”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento