Da Covid-free a incubo contagi, 6 gli ammalati: tutti tornati da Malta, Romania, Belgio e Lombardia

Porto Empedocle è la realtà in cui le preoccupazioni sono tornate a farsi forti. Altri 3 giovani che attendono l'esito dei tamponi rino-faringei. Le suore della comunità missionaria Porta Aperta sospendono, prudenzialmente, i momenti di preghiera

I tre giovani rientrati dalla vacanza a Malta, l’emigrato in Belgio che era tornato a Santa Elisabetta per un periodo di ferie, lo studente di San Giovanni Gemini rientrato dalla Lombardia e una donna, proveniente dalla Romania, residente a Cattolica Eraclea. Sono 6, almeno per il momento, i casi di Coronavirus presenti nell’Agrigentino. E’ guarita, ed è stata dimessa dal reparto di Malattie infettive dell’ospedale “Sant’Elia” di Caltanissetta, invece la cinquantenne romena di Ravanusa. Nella stessa unità operativa resta ricoverato solo l’emigrato che era rientrato a Santa Elisabetta. A questi contagiati si aggiungono i 4 migranti ospiti dell'hotspot di Lampedusa dove, fra l'altro, dovrebbero essercene altri sempre positivi. 

Covid-19, secondo positivo a Porto Empedocle: è il terzo caso dello stesso focolaio

Da Covid-free, la provincia è tornata a vivere l’incubo del virus. L’Asp di Agrigento sta cercando, al momento, di tracciare tutte le persone che abbiano avuto contatti con gli ultimi tre casi per fare in modo che possano essere sottoposti a controlli e a sorveglianza sanitaria. 

Porto Empedocle è certamente la realtà in cui le preoccupazioni sono tornate a farsi forti. Ci sono, del resto, altri tre giovani - facenti parte della comitiva che è rientrata da Malta e 3 sono appunto già risultati positivi al Coronavirus - che attendono l'esito dei tamponi rino-faringei ai quali sono stati sottoposti. Il loro focolaio, fra l'altro, potrebbe essere lo stesso dei ragazzi, pure loro rientrati da Malta, di Gela dove ieri si è arrivati a tre positivi.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le suore della comunità missionaria Porta Aperta, che hanno una tenda vicino al porto, ieri, hanno deciso, prudenzialmente, di rimandare il momento di preghiera previsto per la serata. E lo hanno fatto “a causa dei casi conclamati di Coronavirus verificatisi tra i ragazzi che frequentano i muretti attorno alla tenda – hanno scritto – . Nel frattempo buona festa dell’Assunta, la Vergine Maria  ci custodisca da ogni pericolo e custodisca tutti i giovani di Porto Empedocle, li renda più responsabili insieme ai loro genitori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, salgono ancora i nuovi casi in Sicilia: 8 gli agrigentini contagiati

  • Boom di contagiati da Covid 19 a Sciacca, adesso sono 29: ci sono anche un neonato e la sua famiglia

  • Nuova "bomba" d'acqua sull'Agrigentino: strade e ristoranti allagati, albero su auto

  • Passeggero della Tua positivo al Covid 19, l'Asp: "Chi ha viaggiato su questo bus ci contatti immediatamente"

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): 6 per Agrigento, arrivano i primi tamponi rapidi

  • Vigile del fuoco e operaio dell'aeroporto positivi al Coronavirus: nuovo caso anche a Cattolica

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento