rotate-mobile
Lunedì, 26 Febbraio 2024
Carabinieri / Licata

"E' ai domiciliari e nasconde sottoterra 48 pietre di cocaina purissima", arrestato disoccupato

I 241 grammi di sostanza stupefacente se, "sapientemente" tagliata, avrebbe anche potuto fruttare oltre 40 mila euro. Sequestrati anche un bilancino di precisione, mannite e sacchetti di cellophane termosaldati che sarebbero dovuti servire per confezionare le dosi

Non quattro grammi e nemmeno dieci. Sottoterra, in un sacco nero (di quelli che solitamente una volta si usavano per gettare la spazzatura), i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato ben 241 grammi di cocaina purissima. "Roba" che, "sapientemente" tagliata, avrebbe anche potuto fruttare oltre 40 mila euro. Un disoccupato licatese, Z. G., è stato arrestato, in flagranza di reato, per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. Nel sacco nero sono stati ritrovati anche, e naturalmente sequestrati, un bilancino di precisione e della mannite.

 Ad effettuare la perquisizione nella residenza dove il sessantaduenne disoccupato era ai domiciliari – dopo che era stato arrestato, qualche tempo fa, dai poliziotti del commissariato cittadino - sono stati i carabinieri della compagnia di Licata, nonché le unità cinofile di Palermo e lo squadrone di "cacciatori" di Sicilia. E nel terreno adiacente all'abitazione, all'interno di un barattolo e del sacco nero di plastica, è stata fatta la scoperta dello stupefacente: ben 241 grammi di cocaina purissima appunto, suddivisa non in ovuli ma in 48 "pietre".  E in più vi sarebbero stati anche dei sacchetti di cellophane termosaldati che verosimilmente dovevano servire per il confezionamento delle dosi di droga. Stupefacente che, così per come era, aveva - secondo una stima approssimativa - un valore di circa 14 mila euro, ma che avrebbe potuto fruttare, a seconda delle modalità di taglio e dunque della qualità della "roba" fino ad oltre 40 mila euro. 

Dopo la perquisizione domiciliare in contrada Manga a Licata, il sequestro della "roba", il sessantaduenne - arrestato, appunto, in flagranza di reato - è stato, su disposizione del sostituto procuratore di turno, titolare del fascicolo d'inchiesta immediatamente aperto, rimesso ai domiciliari in attesa dell'udienza di convalida. 

cocaina purissima sequestrata a licata-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"E' ai domiciliari e nasconde sottoterra 48 pietre di cocaina purissima", arrestato disoccupato

AgrigentoNotizie è in caricamento