"Sono solo bugie, eravamo soci": i fratelli fermati per usura si difendono davanti al gip

Per circa 4 ore, gli indagati hanno provato a fare chiarezza sulla loro posizione ed hanno respinto ogni accusa

Un momento della conferenza stampa

Per circa 4 ore hanno provato a fare chiarezza sulla loro posizione, hanno respinto ogni accusa parlando di "bugie" e sostenendo "che erano soci" dell'imprenditore che ha denunciato. Il loro legale, Giovanni Salvaggio, ha poi evidenziato che "non c'è alcun pericolo di fuga" dei due indagati.

I fratelli canicattinesi Antonio e Giuseppe Maira, rispettivamente 69enne e 63enne di Canicattì, ritenuti responsabili in concorso di estorsione aggravata ed usura e sottoposti a fermo dalla Squadra Mobile e dai carabinieri della compagnia di Canicattì, davanti al giudice per le indagini preliminari Francesco Provenzano, hanno risposto ad ogni domanda. L'interrogatorio è stato lungo e s'è concluso soltanto nel tardo pomeriggio. 

Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

Giuseppe Maira, in particolar modo, ha risposto ad ogni interrogativo rivoltogli ed ha cercato - proprio per fare chiarezza sulle posizioni di entrambi i fratelli - di essere preciso nelle spiegazioni.  

Il pm Elenia Manno, titolare del fascicolo d'inchiesta a loro carico, al termine dell'interrogatorio ha chiesto la convalida del fermo e la custodia cautelare in carcere. Il gip deciderà entro domani. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • I contagi da Covid-19 continuano ad aumentare, firmata l'ordinanza: ecco tutti i nuovi divieti

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Boom di contagi da Covid-19 ad Aragona, i genitori: "Prima la salute dei nostri figli, scuole chiuse subito"

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento