RaffadaliNotizie

Farruggia e Galvano chiedono la riapertura dell’ufficio collocamento a Raffadali

Considerato che a partire da aprile i cittadini meno abbienti potranno fruire del reddito di cittadinanza, saranno per lo più  i centri per l’impiego (ex ufficio collocamento) a confrontarsi con una grande massa di utenti

Farruggia e Galvano

Già nel 2015 l’avvocato Santino Farruggia su invito di moltissimi cittadini, che avevano segnalato le difficoltà di doversi spostare in auto ad Agrigento per potere fruire dell’ufficio di collocamento, aveva inviato una nota all’attenzione della dott.ssa Anna Rosa Corsello, l’allora dirigente generale del dipartimento lavoro della Regione Sicilia, chiedendo la riapertura dell'ufficio di collocamento di Raffadali.

Tra l’altro, il consigliere Farruggia, faceva presente con la sua nota del 2015 che non possono non considerarsi le peculiarità di un territorio come quello di Raffadali, che seppur vicino ad Agrigento, rimane comunque al centro di comuni satellite quali Santa Elisabetta, Sant’Angelo Muxaro, Joppolo Giancaxio, che fanno parte assieme a Raffadali del Feudo D’Alì, e che pertanto nell’ufficio collocamento di Raffadali potrebbero trovare una sede distaccata di riferimento.

Purtroppo però quella richiesta rimase lettera morta e Raffadali è stata privata di una propria sede.

Oggi il consigliere Santino Farruggia, unitamente all’assessore Salvatore Galvano, torna alla carica sulla necessità della riapertura di un ufficio di collocamento vista peraltro la recente introduzione da parte del governo nazionale del reddito di cittadinanza. 

Farruggia e Galvano  inoltre aggiungono: Considerato che a partire da Aprile 2019 i cittadini meno abbienti potranno fruire del reddito di cittadinanza e che uno snodo fondamentale nel riconoscimento prima e nella permanenza poi del diritto è l’assenza di un lavoro e la impossibilità di trovarne uno nuovo, saranno per lo più  i centri per l’impiego (ex ufficio collocamento) a confrontarsi con una grande massa di utenti e pertanto si ritiene opportuno potenziarli creando delle sedi distaccate in ambito del territorio provinciale.

Riteniamo inoltre, ai fini dell’ottenimento di un risultato concreto ed immediato, che l’amministrazione comunale, secondo le proprie possibilità, debba offrire locali propri per favorirne una celere riapertura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 59 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus: "pioggia" di casi tra Agrigento, Favara, Ribera e Sciacca

  • Amministrative, Franco Miccichè il nuovo sindaco: vittoria a valanga su Firetto

  • Cosa fare se si è entrati in contatto con una persona positiva al coronavirus

  • L'ultimo bagno della stagione si trasforma in tragedia: annegato un turista 51enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento