rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
I numeri

"Sforbiciata" ai fondi del Pnrr per la provincia agrigentina, Carmina: "Si rischia il baratro"

Il deputato contesta la decisione del governo nazionale che ha rivisto al ribasso i soldi destinati ai Comuni e si chiede: "C'è un disegno preciso per impoverire ulteriormente questo lembo d'Italia"

“Con il definanziamento dei fondi del Pnrr la Sicilia e la provincia di Agrigento rischiano il baratro. La provincia di Agrigento è trattata peggio di tutte le altre con quasi il 60% dei progetti definanziati". Lo ha detto il deputato del Movimento Cinque Stelle, Ida Carmina, a proposito della rimodulazione al ribasso dei fondi destinati ai Comuni.

"C’è un disegno politico mirato del governo - si chiede Ida Carmina - per massacrare ed impoverire ancor più e, magari, cancellare, questo lembo di Italia? Altro che potenziare e implementare la rete ospedaliera e i servizi di prossimità e assistenza sul territorio: si vuole lasciare al sottosviluppo la Sicilia e la provincia di Agrigento".

Carmina aggiunge: "Qui manca tutto e le risorse ottenute dal presidente Conte si stanno disperdendo per incapacità lapalissiane del governo Meloni e della cabina di regia che si sta dimostrando di una lentocrazia disarmante. Aver definanziato il 36% dei fondi per la Sicilia e il 57% dei fondi del Pnrr per la provincia di Agrigento, attualmente priva di tutto è il colpo di grazia finale di una commedia all’italiana che vede come protagonisti principali una destra non solo sovranista ma adesso anche destruens, senza una mission chiara e, quel che è peggio, che rischia di compromettere l’ultima occasione di sviluppo per un Sud sempre più a rischio desertificazione sociale e senza alcuna occasione di ripresa e di resilienza. Sono sbigottita, sono indignata e tra risorse che sfumano, ritardi su tutto, si continua a tagliare ai fragili e al welfare". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sforbiciata" ai fondi del Pnrr per la provincia agrigentina, Carmina: "Si rischia il baratro"

AgrigentoNotizie è in caricamento