rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Politica

Criticità nei servizi sanitari in provincia, Catanzaro: “Regione e Asp confermino gli impegni assunti”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

“A due settimane dall'incontro con l'Assessore Giovanna Volo e con il Commissario Asp Mario Zappia, non ci sono ancora atti concreti rispetto agli impegni assunti per superare alcune situazioni di criticità nei servizi sanitari della provincia di Agrigento”.

E' quanto dichiara oggi l'Onorevole Michele Catanzaro, capogruppo all'Ars del PD, nel farsi ancora una volta portavoce dei disagi segnalati da diversi centri del territorio provinciale agrigentino. Catanzaro aveva promosso un incontro presso l'Assessorato Regionale alla Salute, durante il quale ha chiesto con determinazione interventi immediati per potenziare le risorse umane nei presidi ospedalieri di Sciacca e Canicattì e nei servizi ambulatoriali dei piccoli centri, ma anche di indire i concorsi per attivare le Unità Operative di Neurologia d’Urgenza a Sciacca e Canicattì e di conseguenza aprire poi le Stroke Unit salvavita che si occupano delle problematiche relative all’ictus ischemico od emorragico in fase acuta.

“In quella occasione c'è stato un preciso impegno dell'Assessore Volo e dell'Asp provinciale – dice Catanzaro – ma ad oggi non risultano atti ufficiali che vanno in questa direzione. Ho richiamato l'attenzione dell'Assessore Volo sulla necessità di mantenere gli impegni assunti e dare risposte alle legittime istanze del territorio. Purtroppo ci sono segnali di una gestione della sanità siciliana in linea con il passato governo, occorre una decisa inversione di tendenza per chiudere le falle di un sistema che funziona malissimo”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Criticità nei servizi sanitari in provincia, Catanzaro: “Regione e Asp confermino gli impegni assunti”

AgrigentoNotizie è in caricamento