Venerdì, 19 Luglio 2024
Politica

Ida Carmina (M5S): “Il Governo Meloni elimina il Rdc, sarà la mazzata finale allo stato sociale"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Il Governo delle Destre sta distruggendo lo stato sociale, queste le parole dell’On.Ida Carmina del M5S, dopo l’approvazione del Decreto Precariato come al solito sottoposto alla fiducia da parte di una maggioranza sempre più chiusa a riccio che infila leggi sempre più dannose per i cittadini.

Questo Governo e questa maggioranza hanno voluto cancellare de facto il Reddito di Cittadinanza, dopo che in questi 4 anni e più, è stato un sostegno per il tessuto sociale più fragile ed esposto alla soglia di povertà. Da tutti riconosciuto che durante la pandemia il Rdc è stato uno strumento determinante per superare quel momento di crisi generale.

L’Italia è stato l’ultimo Paese ad adottarlo in Europa ed è stato introdotto per una grande battaglia del MSS, oggi il Governo Meloni lo cancella in maniera bieca e con risvolti sociali pericolosissimi.

Da domani voglio ricordare al Premier Giorgia Meloni, 600 mila persone non avranno più diritto ad alcun sussidio e varcheranno la soglia della povertà.

Da domani 200mila lavoratori poveri, quelli che pur spaccandosi la schiena non riescono ad avere un salario dignitoso, non avendo l’integrazione del reddito di cittadinanza, sopravviveranno negli stenti. Provo vergogna da italiana per aver ascoltato nel nostro Parlamento parole cosi ciniche, cattive, diffamatorie ed il disprezzo mostrato dai sostenitori del liberismo sfrenato. Per giustificare questa scelleratezza hanno colpevolizzato i percettori, trattandoli sostanzialmente come se fossero tutti dei truffatori come giustificare diversamente che siamo l’unica nazione in Europa a non garantire alle persone in difficoltà un sussidio che consenta di superare la soglia di povertà? Perchè la verità è solo una: il lavoro manca in Italia.

Ho spiegato nel mio intervento in aula ai colleghi di maggioranza con forza che da Sindaca di Porto Empedocle ho toccato con mano quanto sia importante il Rdc per poter sbarcare il lunario per chi ha necessità di vivere quotidianamente con le esigenze primarie per poter sfamare un figlio o gestire famiglie che hanno difficoltà di sopravvivenza.

Ho messo il massimo impegno in aula per far comprendere le ragioni della povera gente che vuole il lavoro e non chiede il Reddito che funge da sussidio momentaneo nelle more dell’ingresso nel mondo del lavoro. Conosco il tessuto sociale soprattutto quello di frontiera e delle periferie del nostro Mezzogiorno con cognizione di causa, questo Governo con questo Decreto spaccherà il Paese, aumenterà le diseguaglianze sociali e non darà alcuna tutela ai cittadini meno abbienti.

Io non abbasserò la guardia: questo Governo delle destre invece di tutelare conflitti di interesse e gli industriali, ricordi che se si eliminano sic et simpliciter, provvedimenti sociali come il Rdc che abbracciano milioni di italiani in stato di povertà possono solo alimentare conseguenze di ulteriore malessere e rabbia sociale.

Se si segue la linea della deregulation contrattuale, si colpisce il debole e si rafforzano i poteri forti, si sovverte la scala sociale. Questo Governo in meno di nove mesi sta solo, a colpi di fiducie e decreti, cancellando anni di lotta e diritti e dimostra il vero volto di una destra ottusa e anti-sociale, che indirizza l’azione di governo alla precarietà per distruggere le azioni di welfare degli ultimi anni, conclude l’On. Ida Carmina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ida Carmina (M5S): “Il Governo Meloni elimina il Rdc, sarà la mazzata finale allo stato sociale"
AgrigentoNotizie è in caricamento