rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Ambiente / Porto Empedocle

"Smaltimento illecito di acque fognarie", la Capitaneria di porto fa scattare due denunce

Firmata un'ordinanza che impone, entro 15 giorni dalla notifica, la bonifica del sito contaminato da reflui che potrebbero nuocere gravemente alla salute e all'incolumità privata e pubblica

"Smaltimento illecito di acque fognarie provenienti dal punto di sollevamento posto a monte della strada statale 115 ter". E' per quest'ipotesi di reato che la Guardia costiera di Porto Empedocle ha deferito, alla Procura della Repubblica di Agrigento, il presidente del Cda dell?Aica e il direttore generale protempore della stessa azienda consortile. Firmata anche, ma ad opera del sindaco Calogero Martello, un'ordinanza che impone l?immediata - entro 15 giorni dalla notifica, per la precisione - bonifica del sito contaminato da reflui fognari. Reflui che potrebbero nuocere gravemente alla salute e all'incolumità privata e pubblica. Il monito è uno soltanto: "Decorso il termine e accertata l?inadempienza, il Comune procederà all'esecuzione in danno dei soggetti obbligati ed al recupero delle somme anticipate". 

Nei giorni scorsi, i militari del servizio Operativo-nucleo di polizia giudiziaria della Capitaneria di porto Empedoclina hanno accertato la presenza di una contaminazione, non occasionale, di rifiuti speciali non pericolosi riconducibili ad acque fognarie, che venivano sversate, dal punto di sollevamento posto a monte della strada statale 115 ter, sull'arenile. Dopo questo accertamento, i militari della Guardia costiera hanno deferito all'autorità giudiziaria il presidente del Cda della neo Aica e il direttore generale protempore dell'azienda. Al sindaco è stato invece chiesto, sempre dalla Guardia costiera di Porto Empedocle, di provvedere ad emettere una motivata ordinanza di bonifica dei siti contaminati dai reflui fognari. Passaggio che, appunto, è stato fatto. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Smaltimento illecito di acque fognarie", la Capitaneria di porto fa scattare due denunce

AgrigentoNotizie è in caricamento