Cronaca

La battaglia di Sea Watch contro il fermo di due navi approda alla Corte di giustizia

Arriva l'ok dal Tar Sicilia di Palermo al quale si sono rivolti i legali della Ong dopo le ispezioni amministrative dei mezzi

"Il TAR ha accolto i nostri dubbi sull’approccio italiano e ha rimesso alla Corte di Giustizia UE i ricorsi contro i fermi di #SeaWatch3 e #SeaWatch4".

Lo annuncia la Ong su Twitter. "Ribadiamo la necessità - aggiungono - di liberare subito le nostre navi: le persone continuano a morire in mare senza alternative di salvezza".

I fermi sono la conseguenza di altrettante ispezioni concluse con la contestazione di numerose violazioni normative. "La volontà politica - era stata la denuncia della Ong - è quella di bloccare le navi umanitarie".

La questione sarà esaminata compiutamente il 26 gennaio. Il Tar, nel frattempo, ha respinto l'istanza cautelare della Ong che chiedeva l'annullamento di tutti i provvedimenti amministrativi che hanno portato al fermo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La battaglia di Sea Watch contro il fermo di due navi approda alla Corte di giustizia

AgrigentoNotizie è in caricamento