Rissa fra giovani e sequestro di persona: il caso approda al Riesame

La difesa chiede la revoca della misura per mancanza di esigenze cautelari e perché vi sono elementi che vanno in una direzione diversa rispetto alla tesi accusatoria

(foto ARCHIVIO)

La difesa ha presentato il ricorso al Riesame: chiedono - e se ne discuterà stamattina - la revoca della misura per mancanza di esigenze cautelari e perché vi sono elementi che, a loro parere, vanno in una direzione diversa rispetto alla tesi accusatoria. Dopo che il gip del tribunale di Sciacca, Alberto Davico, ha rigettato la richiesta di revoca e confermato i domiciliari per i tre giovani, due di Sciacca e uno di Ribera, il caso approda al Riesame.

Si tratta dei tre ragazzi indagati per rissa aggravata, sequestro di persona, lesioni personali aggravate, danneggiamento e porto di oggetti atti ad offendere. La difesa è composta dagli avvocati Vincenzo Parinisi, Accursio Piro e Nicola Puma.  

Altri sei giovani sono indagati per rissa nella stessa vicenda, ma senza misura cautelare a loro carico. L'indagine, coordinata dal sostituto procuratore Michele Marrone, è stata svolta dai carabinieri della stazione di Sciacca. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, nel "valzer" di guarigioni e nuovi contagi c'è una nuova vittima: è un grottese

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento