Discarica satura, dal primo febbraio i rifiuti viaggeranno verso Enna

Per i cittadini non ci saranno disagi, ma un costo maggiore inciderà per il trasporto

Dal primo febbraio non riceverà più il materiale di scarto originato dal trattamento dei rifiuti. La discarica Salinella-Saraceno di Sciacca - dove conferiscono i rifiuti 17 Comuni dell'ex Ato  - è satura. E’ stata trovata una soluzione che prevede il trasferimento di questi rifiuti in un impianto a Enna. “Per i cittadini non ci saranno disagi – ha detto, al Giornale di Sicilia, il presidente della Srr: Enzo Greco Lucchina – ma un costo maggiore inciderà per il trasporto. Pagheremo intorno a 150 euro a tonnellata. Ne arrivano circa 14 tonnellate al giorno. A Sciacca il conferimento in discarica incide intorno a 120 euro a tonnellata”. Da parte dell’assessore Alberto Pierobon è arrivata una sollecitazione ai Comuni a garantire con tempestività le rispettive quote per non mettere in difficoltà la gestione degli impianti che deve fare fronte al pagamento delle forniture e dei servizi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A dicembre 2019 la Regione ha stanziato 2 milioni e mezzo di euro per l’impianto di compostaggio di contrada Santa Maria, Sciacca. La giunta ha approvato la proposta dell’assessore regionale all’Energia e servizi di pubblica utilità, Alberto Pierobon, di destinare il fondo del piano operativo ambiente presso il ministero dell'Ambiente per realizzare l’impianto di compostaggio di Calatafimi e per ampliare l’impianto per la produzione di Sciacca. Le somme, da tempo inutilizzate, sono state recuperate dall’assessorato che ha così potuto rimodulare i fondi destinati a potenziare l’impiantistica pubblica in Sicilia soprattutto per quanto riguarda il trattamento e il recupero della frazione umida della raccolta differenziata. Nel dettaglio ammontano a 2 milioni e 422 mila euro le somme per raddoppiare la capacità produttiva dell’impianto di contrada Santa Maria a Sciacca. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Schizza il bilancio dei positivi nell'Agrigentino, ancora casi a Canicattì e Licata

  • Boom di contagiati da Covid 19 a Sciacca, adesso sono 29: ci sono anche un neonato e la sua famiglia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento