"Picchia, perseguita e sequestra l'ex fidanzata", 33enne a giudizio

La Procura, dopo l'arresto per stalking dei mesi scorsi, chiede il processo per Domenico Mongiovì

L’ex fidanzata decide di interrompere la loro relazione e lui, per vendetta, la perseguita e le impedisce di uscire da casa. Il trentatreenne Domenico Mongiovì, di Santa Elisabetta, finisce a processo per le accuse di stalking e sequestro di persona. A decidere se disporre il rinvio a giudizio - salvo che il difensore, l’avvocato Antonino Gaziano, non scelga un giudizio alternativo – sarà il giudice dell’udienza preliminare Luisa Turco che deciderà il 9 dicembre. L’inizio del procedimento era previsto per ieri ma c’è stato un rinvio per un problema nelle notifiche.

Mongiovì è accusato di avere perseguitato, fra l’aprile e il luglio scorsi, l’ex fidanzata inviandole continuamente messaggi offensivi e minacciosi, braccandola per strada e guardandola con tono minaccioso. Lo scorso 9 luglio, Mongiovì avrebbe incontrato la ragazza in piazza, seduta in una panchina, e l’avrebbe afferrata per il collo e schiaffeggiata. La settimana successiva, l’episodio più grave per il quale fu pure arrestato: Mongiovì avrebbe seguito la donna in un appartamento dove era andata per allenarsi e l’avrebbe costretta a barricarsi dentro – da lì l’accusa di sequestro di persona – per sfuggire alla sua violenza”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade dal carro di Carnevale ed è tragedia: morto un bimbo di 4 anni

  • Emergenza Coronavirus, scatta la quarantena per tre persone

  • La Questura ferma il Carnevale di Sciacca, la kermesse è stata definitivamente annullata

  • "C'è un sospetto caso di Coronavirus al pronto soccorso", l'allarme viaggia su Whatsapp: è una fake news

  • L'incidente mortale a San Leone, arrestato il 49enne che era alla guida dell'auto

  • Psicosi Coronavirus, dirigenti scolastici sospendono le gite

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento