"Piantagione di marijuana fra ulivi e fichi d'India", condannato a 4 anni e mezzo

Il giudice Alberto Davico, accogliendo la richiesta del pubblico ministero, ha emesso la sentenza a carico di Calogero Sarullo, 58 anni

Il giudice Alberto Davico, accogliendo la richiesta del pubblico ministero, ha condannato a 4 anni e 6 mesi di reclusione Calogero Sarullo, 58 anni, di Ribera, finito in carcere, ad opera dei carabinieri, per una maxi piantagione di marijuana. L'imputato è stato processato con il rito abbreviato.

Giudizio immediato per il marito, patteggia la moglie 

La difesa, con l'avvocato Giovanni Forte, aveva chiesto i minimi di pena, le attenuanti generiche e l'esclusione delle aggravanti dell'ingente quantità e della recidiva. Nella precedente udienza aveva patteggiato la moglie di Sarullo, Antonina Sarullo, di 48 anni, di Ribera, che si trovava ai domiciliari ed è stata rimessa in libertà. Per la donna pena, sospesa, di un anno e 8 mesi.

Fra ulivi e fichi d'India scovata una maxi piantagione di marijuana: due arresti 

La maxi piantagione di droga si trovava in località Scirinda, tra ulivi e fichi d'india. Circa una tonnellata di marijuana è stata sequestrata dai carabinieri. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento