menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"La buona scuola", primo incontro formativo per i docenti neo assunti nell'Agrigentino

Ha avuto inizio oggi la serie di incontri formativi rivolti ai docenti neo immessi in ruolo con la legge 107, meglio nota come "La buona scuola". Oltre 700 gli insegnanti della provincia agrigentina che hanno preso parte al primo dei sei incontri programmati

Ha avuto inizio oggi la serie di incontri formativi rivolti ai docenti neo immessi in ruolo con la legge 107, meglio nota come "La buona scuola". Oltre 700 gli insegnanti della provincia agrigentina che nell'anno scolastico in corso effettueranno la prevista formazione dell’anno di prova, e che hanno preso parte, necessariamente divisi per sessioni, al primo dei sei incontri programmati nell’auditorium dell’Istituto comprensivo “Vivaldi” di Porto Empedocle.

Ad accogliere i docenti sono stati Raffaele Zarbo, dirigente dell'Ufficio scolastico provinciale che ha rivolto un saluto in fase di apertura, Claudio Argento, dirigente scolastico della "Vivaldi", che è anche "scuola polo" per la provincia, e Stefania Ierna, dirigente dell'Area 8 dell'Ambito territoriale agrigentino.

Nel corso dell'incontro sono stati illustrati la normativa così come passaggi e adempimenti (burocratici e formativi) dettati dalla nuova legge. L'accento è stato, inoltre, posto su come sia necessario che ogni docente ampli con costanza le proprie competenze proprio per il delicato ruolo che ricopre all'interno della società.

«Posso dire che la scuola ha sempre funzionato. Abbiamo amore per questa attività - ha detto Argento nel corso del suo intervento - e così dovete averne voi. Questa legge porta con sè delle novità assolute, è per questo che la porta del nostro staff è aperta, "a 360 gradi", per ogni esigenza: il MInistero deve ancora chiarire diversi punti e noi cercheremo di darvi risposte certe seppure nelle incertezze che connotano questa "nuova fase". La nostra disponibilità, nei limiti delle nostre possibilità, è assoluta».

La professoressa Ierna ha poi illustrato le fasi che scandiranno questo anno dal punto di vista formativo.

«Seppure tra le mille difficoltà, generate dalla necesità di ulteriori chiarimenti da parte del Miur oltre che dal numero ragguardevole dei neo assunti da formare, siamo riusciti ad avviare questo percorso. Così come fatto da chi mi ha preceduta - ha detto - voglio darvi il benvenuto e farvi i miei auguri per l'mportante incarico che assumete nel formare i componenti della società di domani, assieme alle famiglie».

A seguire, l'insegnante ha dettagliatamente spiegato come le 50 ore di formazione (online, in presenza e "peer to peer") saranno poste in essere e quali siano gli obiettivi da raggiungere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento