"Abusa di una bambina, spaccia e truffa il Comune", 44enne condannato a 14 anni e mezzo

Sentenza definitiva per l'empedoclino che nelle prossime ore sarà arrestato: è il personaggio chiave dell'inchiesta "Express Courier"

(foto ARCHIVIO)

Sentenza confermata e arresto imminente per scontare la condanna a quattordici anni e sei mesi di reclusione per una lista di accuse che vanno dallo spaccio di droga, agli atti sessuali con minorenni, alla rapina e alla truffa ai danni del Comune. L’empedoclino 44enne, L. N., personaggio chiave dell’inchiesta “Express Courier, che intercettato al telefono si vantava di andare in giro a spacciare anziché recarsi al lavoro, nelle prossime ore riceverà l’ordine di esecuzione della pena e finirà in carcere per molti anni.

La Cassazione ha confermato la sentenza della Corte di appello che, in precedenza, aveva ratificato quella di primo grado. L'uomo, L. N., beneficiario di un sussidio economico, avrebbe dovuto ricevere i soldi in cambio di una prestazione lavorativa e, invece, secondo quanto avrebbe accertato l’indagine, durante l’orario di servizio per conto del Comune avrebbe spacciato droga. Nello stesso stralcio dell’inchiesta, con l’accusa di avere ceduto droghe leggere a un familiare minorenne, è stato condannato pure a 8 mesi di reclusione G. A., 32 anni, assolto da singole ipotesi di spaccio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I difensori, gli avvocati Emilio Chiarenza, Davide Casà e Alessandro Marchica, hanno impugnato il verdetto di appello che, invece, è stato confermato per entrambi. Il 44enne empedoclino, fra le altre cose, è stato riconosciuto colpevole di avere abusato sessualmente di una donna che peraltro faceva parte del nucleo familiare dell’ex compagna. La presunta vittima si è costituita parte civile con l’assistenza dell’avvocato Luigi Troja e ha ottenuto il risarcimento dei danni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Villaseta: giovane si toglie la vita, avviate le indagini

  • Coronavirus, è di nuovo raffica di positivi a Ravanusa, Palma, Canicattì, Licata, Sciacca, Cianciana e Porto Empedocle

  • Non si fermano i contagi a Sambuca, altri nove positivi: tra questi anche un impiegato

  • Amministrative, Franco Miccichè il nuovo sindaco: vittoria a valanga su Firetto

  • Coronavirus: 17 positivi in provincia, ci sono pure 6 alunni e 2 insegnanti

  • Studenti positivi al Covid 19, Miccichè chiude il "Politi" e Di Ventura il "Verga"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento