Il crollo alla "Pirandello", ecco perché i lavori sono slittati a dopo le feste

La speciale rete per mettere in sicurezza la porzione che ha ceduto non è stata trovata nelle ditte della provincia. L'assessore Calogero Conigliaro: "Fondi impegnati, aspettiamo riaprano le aziende"

L'intonaco caduto lo scorso novembre

“La rete di protezione speciale per garantire sicurezza alla scuola Pirandello verrà acquistata, non essendo stata trovata nelle ditte locali, non appena, finite le ferie natalizie, le imprese riapriranno e ripartiranno le consegne. E’ solo ormai questione di ore. Le somme sono già impegnate”. A spiegarlo, ieri, mentre a Porto Empedocle montava l’ennesima protesta, è stato l’assessore comunale alla Pubblica istruzione Calogero Conigliaro. E lo ha fatto dopo aver acquisito notizie dal capo dell’ufficio tecnico comunale Ernesto Sferlazza.

“Per tutte le scuole di Porto Empedocle, prima ancora che si registrasse il distacco di intonaco nell’istituto Pirandello, il Comune aveva partecipato ad un bando ministeriale per ottenere un finanziamento per mettere in sicurezza soffitti e controsoffitti. In questi giorni di vacanze natalizie avrebbero dovuto essere realizzati i lavori sull’ala del primo piano dell’edificio scolastico, in corrispondenza con la zona del distacco di intonaco dal solaio – ha spiegato l’assessore Conigliaro - . Le somme sono state impegnate, ma la speciale rete di protezione non è stata trovata, contrariamente a quanto ipotizzato, in provincia. Martedì 7, alla riapertura delle imprese, la rete verrà acquistata e i lavori potranno naturalmente partire”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’ala del primo piano, in corrispondenza con la zona del distacco di intonaco dal solaio, resta dunque interdetta fino a quando il Comune non provvederà al ripristino delle condizioni di sicurezza. A disporlo era stato il sindaco di Porto Empedocle, Ida Carmina, dopo il crollo registratosi, a fine novembre, alla scuola elementare “Pirandello” di via Molo. Il cedimento si è verificato, per fortuna, durante la notte e, dunque, nessuno s’è fatto male. Dopo l’intervento dei vigili del fuoco, nell’istituto scolastico c’è stato anche un sopralluogo dei funzionari dell’Utc ed è emerso che il distacco di intonaco dal solaio è stato causato da una perdita idrica dei bagni sovrastanti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Boom di contagiati da Covid 19 a Sciacca, adesso sono 29: ci sono anche un neonato e la sua famiglia

  • Passeggero della Tua positivo al Covid 19, l'Asp: "Chi ha viaggiato su questo bus ci contatti immediatamente"

  • Schizza il bilancio dei positivi nell'Agrigentino, ancora casi a Canicattì e Licata

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): 6 per Agrigento, arrivano i primi tamponi rapidi

  • Si sente male in spiaggia e si accascia, inutili i soccorsi: muore 66enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento