Fa due lavori e percepisce il reddito di cittadinanza, i giudici: "Non è truffa"

Il tribunale del riesame annulla il sequestro della carta delle Poste che gli era stata data per usufruire del sussidio

"I percettori di reddito di cittadinanza possono, in realtà, prestare attività lavorativa durante il godimento del beneficio, purchè - entro il termine di trenta giomi dal verificarsi dell'evento occupazionale - comunichino all'INPS tutti i dati dell'impiego, al fine di consentire all'istituto previdenziale di revocare, sospendere o rideterminare la misura del reddito di cittadinanza in favore del beneficiario". Con queste motivazioni i giudici del tribunale del riesame di Agrigento, presieduto da Alfonso Malato, hanno annullato il sequestro della carta delle poste che era stata distribuita a un trentasettenne empedoclino per l'erogazione del reddito di cittadinanza. Il collegio di giudici, composto anche da Alfonso Pinto e Giuseppa Zampino, ai quali si era rivolto l'avvocato Graziella Vella, hanno ritenuto che non vi fossero elementi che giustificassero le accuse di truffa e falso.

Il sequestro, disposto dal gip, era scattato in seguito a un controllo dei carabinieri di Porto Empedocle, eseguito il 20 novembre, nel suo furgone adibito a trasporto del pesce per il commercio ambulante. Una serie di controlli incrociati di routine consentì di fare emergere che il trentasettenne svolgeva l'attività di venditore ambulante ad Aragona ma aveva chiuso la partita Iva. Inoltre risultava essere stato assunto, a tempo determinato per soli 27 giorni, fino al 30 novembre, alle dipendenze di un'azienda di trasporti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un pò troppo, per la Procura, secondo cui il commerciante aveva omesso di comunicare l'assunzione e chiuso la partita Iva per beneficiare dei guadagni delle due attività e, al tempo stesso, del sussidio del reddito di cittadinanza. I giudici in realtà, come sostenuto dalla difesa, hanno sottolineato due circostanze. Al momento del sequestro non erano ancora trascorsi i 30 giorni previsti dalla legge per comunicare l'assunzione. Formalità che è stata adempiuta nei giorni successivi. Analogo ragionamento per l'omessa comunicazione della chiusura della partita Iva "che spetta all'Agenzia delle Entrate". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

  • Schizza il bilancio dei positivi nell'Agrigentino, ancora casi a Canicattì e Licata

  • Boom di contagiati da Covid 19 a Sciacca, adesso sono 29: ci sono anche un neonato e la sua famiglia

  • Passeggero della Tua positivo al Covid 19, l'Asp: "Chi ha viaggiato su questo bus ci contatti immediatamente"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento