menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra Tuttolomondo e Vasile Cozzo

Da sinistra Tuttolomondo e Vasile Cozzo

Agguato al porto contro il cognato, Castelli in aula: "Vasile Cozzo disse chi gli sparò"

Il dirigente del commissariato rivela: "Indagini da subito incentrate su Gianni Tuttolomondo"

“Le indagini si sono indirizzate subito sull’imputato perché è stata la stessa vittima a dirci che a sparargli era stato suo cognato, lo abbiamo cercato per alcune ore fino a quando si è presentato lui stesso in commissariato dicendo che voleva denunciare l’incendio del proprio furgone”.

Il vice questore Cesare Castelli, attuale dirigente del commissariato di Canicattì e all’epoca dei fatti, la notte fra il 4 e il 5 aprile del 2013 a capo di quello di Porto Empedocle, racconta in aula le prime battute dell’indagine. Il processo è quello a carico del pescivendolo Giovanni Tuttolomondo, 49 anni, cognato di Libertino Vasile Cozzo, 42 anni, destinatario - sostiene l’accusa - dei colpi di arma da fuoco dell’imputato. “È stato da subito il principale sospettato, erano noti i contrasti con Vasile Cozzo”. Castelli ha ricostruito i concitati momenti di quella notte. I giudici della prima sezione penale presieduta da Alfonso Malato, in una delle udienze precedenti, sollecitati da un’eccezione della difesa dell’imputato, affidata all’avvocato Salvatore Pennica, hanno disposto l’estromissione dal fascicolo di alcune prove e, in particolare, di una consulenza medico legale e di un filmato di videosorveglianza che sarebbero stati acquisiti “in assenza delle garanzie difensive previste dal codice”.

La questione dell’utilizzabilità di alcuni atti, anche questa mattina, è stata al centro dell’udienza e non sono mancate le scintille con Pennica da una parte e dall’altra il pubblico ministero Cecilia Baravelli, l’avvocato di parte civile Raimondo Tripodo e lo stesso Castelli. Tuttolomondo è accusato di avere esploso otto colpi di pistola per uccidere il cognato col quale erano sorti contrasti di natura passionale. Ad agire sarebbero stati in due ma il secondo killer non è stato mai individuato. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento