Cronaca

"Ebbe contrasti familiari per questioni di eredità", potrà avere il porto d'armi

La Questura stoppò l'autorizzazione a detenere un fucile da caccia, ma la Prefettura ha ribaltato tutto

(foto ARCHIVIO)

Gli era stato negato il porto d'armi a causa di precedenti contrasti familiari connessi a questioni di eredità: la Prefettura accoglie ricorso e capovolge decisione della Questura.

Tutto parte dalla revoca della licenza di porto di fucile per uso caccia , a T.R., giovane di Raffadali. Un provvedimento che scaturiva, secondo gli organi di polizia, dai problemi familari del givoane all'interno del proprio nucleo familiare legati a questioni di eredità. L'uomo, difeso dall'avvocato Giuseppina Gangi, è riuscito però a provare che non avesse alcuna questione personale con i parenti e anzi, fosse addirittura residente in un luogo diverso da quello dei parenti e avesse comunque con questi buoni rapporti. 

La Prefettura, preso atto anche del fatto che il giovane non ha frequentazioni controindicate e ha sempre avuto una buona condotta, ha disposto l'annullamento del decreto di revoca del Questore di Agrigento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ebbe contrasti familiari per questioni di eredità", potrà avere il porto d'armi

AgrigentoNotizie è in caricamento