Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

"Riportò una menomazione durante il parto", Asp condannata a pagare impugna sentenza

Il tribunale ha disposto, a carico dell'azienda sanitaria e in solido con un medico, il pagamento di 193.939 euro di risarcimento danni ai genitori

Il tribunale di Agrigento ha condannato l'azienda sanitaria, in solido con un medico, al pagamento di 193.939 euro di risarcimento danni ad una coppia, genitori di una bambina che, durante il parto, riportò una menomazione. I familiari ne chiedevano, però, 520 mila euro. L'Asp, chiedendo la riforma integrale dell'impugnata sentenza, ha citato i genitori della piccola davanti alla Corte d'appello di Palermo. L'udienza si terrà il 16 settembre. 

La piccola avrebbe riportato delle menomazioni durante il ricovero e il successivo parto - avvenuto nel 2013 - all'unità operativa di Ostetricia e Ginecologia dell'ospedale "San Giacomo d'Altopasso" di Licata. Dopo una definizione negativa di una mediazione, nel dicembre del 2015 i genitori della piccola hanno citato, davanti al tribunale di Agrigento, l'Asp per ottenere la dichiarazione della responsabilità dei medici nell'aver causato l'evento, con la conseguente condanna al risarcimento dei danni causati alla neonata. Danni quantificati, appunto, in 520 mila euro. Il 23 febbraio scorso, il tribunale di Agrigento - accogliendo parzialmente le domande risarcitorie - ha condannato l'Asp, in solido con un medico, al pagamento. Una condanna che però all'azienda sanitaria provinciale non è andata giù, tant'è che appunto ha fatto ricorso alla Corte d'appello. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Riportò una menomazione durante il parto", Asp condannata a pagare impugna sentenza

AgrigentoNotizie è in caricamento