rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Operazione Demetra

La maxi inchiesta sui finti infortuni sul lavoro, il processo "bis" su un binario morto

A distanza di tre anni dai rinvii a giudizio un nuovo stop di oltre sei mesi per il trasferimento di un giudice in un altro ufficio

Il giudice Giuseppe Miceli è stato trasferito all'ufficio Gip-Gup, di cui sarà presidente dopo la delibera del Csm, e il processo subisce un altro lungo stop. Si torna in aula il 30 novembre ma il magistrato che dovrà celebrare il dibattimento non è stato ancora individuato.

Il processo è quello scaturito dall'inchiesta "Demetra bis", che ipotizza un giro di falsi infortuni sul lavoro messo in piedi, con la complicità di medici e faccendieri, con la finalità di truffare l'Inail. Il primo troncone, lo scorso 30 aprile, ha portato a 17 condanne mentre per altri 35 imputati è stata dichiarata la prescrizione. 

Prescrizione che ha già dato una consistente "sforbiciata" alle accuse anche nel secondo filone processuale, con alcuni imputati comuni. 

Il giudice monocratico Iacopo Mazzullo, davanti al quale doveva ripartire il processo per l'ennesima volta a distanza di 3 anni dai rinvii a giudizio, ha infatti emesso, nelle scorse settimane, una sentenza di non doversi procedere per circa l'80 per cento delle imputazioni a carico dei 29 imputati che non sono ormai più punibili per il decorso del tempo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La maxi inchiesta sui finti infortuni sul lavoro, il processo "bis" su un binario morto

AgrigentoNotizie è in caricamento