rotate-mobile
Cronaca

"Nessuna comunicazione sulla presenza del tumore", risarcita una famiglia

Dopo il decesso dell'agrigentino, i familiari hanno citato in giudizio la struttura sanitaria. Il tribunale ha condannato a risarcimento danni di 135 mila euro

Una casa di cura di Palermo è stata condannata, dal giudice del tribunale del capoluogo siciliano Enrico Catanzaro, a pagare 135 mila euro di risarcimento danni ad una famiglia agrigentina. Lo riporta oggi il quotidiano La Sicilia. La vicenda risale a diversi anni fa quando un agrigentino è stato ricoverato nella struttura sanitaria per un intervento al cuore. Nessuno dei cardiochirurghi che, allora, operarono il paziente si sarebbe preoccupato di informare l'uomo o i suoi familiari del fatto che aveva un tumore. 

Dopo il decesso dell'agrigentino, la famiglia - con l'assistenza dei legali Giuseppe Zucchetto, Giuseppe Arnone e Luciano Schillaci - ha citato in giudizio la struttura sanitaria. Il tribunale ha emesso sentenza di condanna per "il danno di perdita di chance di sopravvivenza"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Nessuna comunicazione sulla presenza del tumore", risarcita una famiglia

AgrigentoNotizie è in caricamento