rotate-mobile
Sanità

Muore mentre è ricoverato, i familiari chiedono quasi un milione e mezzo di danni

Secondo moglie e figli quanto avvenuto è da ritenersi addebitabile alla condotta dei medici

Muore mentre è ricoverato in un ospedale dall'Asp di Agrigento, i familiari chiedono danni per oltre un milione e quattrocentomila euro.

A presentare una richiesta di risarcimento è una famiglia che ha perso il padre mentre si trovava in un reparto dell'Agrigentino che però non è indicato negli atti pubblici: questo per la decisione dell'Azienda sanitaria di omissare sistematicamente non soltanto i dati sensibili delle persone coinvolte (come è giusto), ma anche qualunque riferimento ai reparti e agli ospedali coinvolti nelle cause (numerose) che riguardano l'Asp. Una prassi tutto sommato recente e che appare quantomeno "ispirata" dalla diffusione delle notizie da parte della stampa delle richieste risarcitorie e delle condanne.

La famiglia che oggi trascina in tribunale l'Azienda, in particolare, sostiene che il decesso avvenuto a fine 2017 del proprio congiunto sia da ritenersi "conseguenza immediata e diretta della condotta colposa dei sanitari e delle inadempienze ascrivibili alla struttura sanitaria e gli operatori che hanno eseguito l'iter sanitario del deceduto". 

Versione totalmente diversa da quella proposta dall'Asp, che, dicono gli atti, sostiene che "dall'istruttoria non sono emersi elementi di responsabilità a carico dei sanitari che li possano individuare come responsabili di quanto avvenuto". L'Azienda quindi si costituirà in giudizio contro la richiesta di risarcimento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muore mentre è ricoverato, i familiari chiedono quasi un milione e mezzo di danni

AgrigentoNotizie è in caricamento