Il caso delle percosse al centro di accoglienza, console tunisino in Questura

Le autorità diplomatiche scendono in campo dopo avere appreso la notizia dalla stampa, il legale: "Primo incontro molto cordiale, cercheremo di entrare nel procedimento"

Il console Jalel Ben Belgacem e l'addetto sociale Jaballah El BKhairi

Il console tunisino Jalel Ben Belgacem e l'addetto sociale Jaballah El BKhairi, dopo avere appreso dell'inchiesta a carico di un agente per le percosse e le umiliazioni subite come "punizione" per un tentativo di fuga, sono andati in Questura, accompagnati dall'avvocato Leonardo Marino, per acquisire informazioni sulla vicenda. La notizia dell'inchiesta era stata riportata, in esclusiva, su AgrigentoNotizie.

"Il console - spiega il legale - dopo il grande clamore mediatico sollevato attorno al caso ha voluto attivarsi in maniera istituzionale per acquisire informazioni. Abbiamo avuto un primo incontro molto cordiale con il capo di gabinetto del questore, cercheremo di entrare nel procedimento".

Nelle scorse ore è circolato pure il video dell'episodio, girato col telefonino, e denunciato alla Questura - sembrerebbe - da un'assistente sociale. La segnalazione, secondo quanto spiegato ieri dalla stessa Questura, è stata indirizzata in Procura. 

Il pubblico ministero Cecilia Baravelli ha aperto un'inchiesta, ipotizzando il reato di abuso dei mezzi di correzione, e chiesto al giudice l'incidente probatorio per acquisire la testimonianza di cinque giovanissimi migranti tunisini, fra cui i due che sarebbero stati percossi e costretti a schiaffeggiarsi fra loro dall'agente come punizione perchè erano fuggiti dal centro di contrada Ciavolotta durante la quarantena anti-Covid.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto il gip Alessandra Vella, questa mattina, ha fissato l'incidente probatorio, già disposto nelle scorse ore, che si celebrerà mercoledì pomeriggio. I migranti saranno interrogati dallo stesso gip, dal pm e dal difensore del poliziotto indagato, l'avvocato Daniela Posante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Covid-19, altri due casi in provincia: chiuso ristorante e richiamati tutti i clienti

  • La faida sull'asse Favara-Belgio, scatta l'operazione "Mosaico": raffica di arresti, trovate armi

  • Operazione "Mosaico": duplice tentato omicidio, ecco chi sono i 7 arrestati

  • Coronavirus, ancora positivi in provincia: a Ravanusa i casi salgono a sette

  • Nuova "bomba" d'acqua sull'Agrigentino: strade e ristoranti allagati, albero su auto

  • Il Covid non molla la sua presa: due nuovi casi a Favara, uno a San Biagio e Grotte

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento