rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Mafia Raffadali

Pensionato ucciso perchè molestava le donne in paese, l'inchiesta approda al riesame

La difesa di Roberto Lampasona chiede la scarcerazione: Pasquale Mangione sarebbe stato assassinato su incarico del figlio

L'inchiesta sull'omicidio del pensionato di Raffadali, Pasquale Mangione, ucciso il 2 dicembre del 2011 a colpi di pistola e con il calcio della stessa arma, approda al tribunale del riesame. L'avvocato Antonino Gaziano - difensore di uno dei presunti killer, Roberto Lampasona, 43 anni, di Santa Elisabetta - ha impugnato l'ordinanza del gip di Agrigento Luisa Turco che, in seguito all’esclusione dell'aggravante del favoreggiamento dell'associazione mafiosa, ha confermato la custodia in carcere per lui e per altri due indagati: Antonino Mangione, 40 anni, di Raffadali - l'uomo che ha confessato e raccontato tutto -  e Angelo D'Antona, 35 anni, anch'egli di Raffadali.

Quest'ultimo si trova ancora in Germania, dove è stato arrestato, ed è in attesa di estradizione. Giovedì al tribunale del riesame di Palermo sarà, invece, discusso il ricorso della difesa di Lampasona che chiederà l'annullamento del provvedimento di arresto contestando gli indizi a suo carico.

A tirarlo in ballo è stato lo stesso Antonino Mangione, che ha raccontato, due anni fa, dopo essere entrato in contrasto col boss Antonio Massimino e deciso di collaborare, di avere organizzato l'omicidio del sessantanovenne, su incarico di uno dei figli della vittima - Francesco Mangione - che aveva deciso di farlo eliminare perchè andava in giro a disturbare donne sposate.

L'omicidio è avvenuto in contrada Modaccamo, strada di campagna fra Raffadali e Cianciana. L'ordinanza di custodia cautelare è stata eseguita dai poliziotti della squadra mobile di Agrigento, diretta da Giovanni Minardi.

Indagati a piede libero anche lo stesso Francesco Mangione, imprenditore di Raffadali, e il presunto boss quarantenne Francesco Fragapane, di Santa Elisabetta, condannato a 20 anni di carcere nell'ambito del processo "Montagna" con l'accusa di avere diretto il nuovo mandamento mafioso seguendo le orme del padre Salvatore.

Antonino Mangione, che non è un collaboratore di giustizia, racconta che Lampasona avrebbe chiesto al boss l'autorizzazione all'omicidio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pensionato ucciso perchè molestava le donne in paese, l'inchiesta approda al riesame

AgrigentoNotizie è in caricamento