Mafia e droga a cavallo di due province, la maxi inchiesta "Gallodoro" approda in aula

Al via l'udienza preliminare: sono nove gli agrigentini coinvolti nell'indagine che ha fatto luce pure su due vecchi omicidi

Domenico Avarello e Domenico Mangiapane

Mafia e droga: l’inchiesta "Gallodoro" approda in aula per l’udienza preliminare. Questa mattina, davanti al gup di Caltanissetta, doveva iniziare il procedimento dopo le ventuno richieste di rinvio a giudizio da parte della Dda. Ci sono pure nove agrigentini nella lista degli imputati della maxi indagine che ha disarticolato un traffico di cocaina legato alla mafia di Caltanissetta e fatto luce su due vecchi omicidi di fine anni Novanta.

Si tratta di si tratta di Domenico Avarello, 39 anni, di Canicattì; Filippo Cacciatore, 56 anni, di Cammarata; Carmelo Conti, 46 anni, di Casteltermini; Vito De Maria, 59 anni, di Cammarata; Antonino Lattuca, 38 anni, di Agrigento; Domenico Mangiapane, 40 anni, di Cammarata; Maurizio Matraxia, 53 anni, di San Giovanni Gemini; Salvatore Puma, 42 anni, di Racalmuto e Giovanni Valenti, 45 anni, di Favara. Lo sciopero degli avvocati penalisti ha fatto rinviare l’udienza al 13 gennaio. 

I difensori degli imputati agrigentini (gli avvocati Diego Giarratana, Salvatore Re, Gianfranco Pilato, Massimo Scozzari, Vincenzo Infranco, Carmelo Nocera, Antonio Pecoraro e Giuseppe Barba) potranno chiedere il giudizio abbreviato. In caso contrario sarà il giudice a decidere se disporre il rinvio a giudizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il "giallo" di Canicattì: sentiti familiari e amici del 28enne morto, ritrovato il furgone

  • Scompare un pastore, scattano perlustrazioni e ricerche: ritrovato morto il 61enne

  • Traffico di cocaina dalla Calabria all'Agrigentino: tredici condanne

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • Non c'è pace per i contribuenti morosi: in arrivo altri 24 mila avvisi di pagamento

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento