Venerdì, 19 Luglio 2024
Mafia Palma di Montechiaro

"Non emerge alcuna sproporzione", i giudici restituiscono conti correnti e libretti al boss

La Corte di appello riduce anche la sorveglianza speciale al palmese Francesco Ribisi, confermata la revoca della licenza di un bar

“I rapporti bancari sequestrati e confiscati hanno saldi a debito o a credito così ridotti da non consentire una valutazione di sproporzione e la stessa sorveglianza speciale è stata inflitta per un periodo immotivatamente severo”.

Con queste motivazioni i giudici della Corte di appello – sezione misure di prevenzione – di Palermo, ai quali si è rivolto, il difensore del boss Francesco Ribisi, l’avvocato Daniela Posante, hanno alleggerito il provvedimento di primo grado revocando la confisca di tre conti correnti e un libretto nominativo e riducendo da cinque anni (durata massima) a quattro la sorveglianza speciale, vale a dire le restrizioni della libertà personale alle quali il trentasettenne dovrà attenersi quando avrà finito di scontare la condanna a 11 anni e 10 mesi. 

Confermata, invece, la sospensione della licenza del bar di San Leone che gestiva fino al giorno dell’arresto. Già in primo grado i giudici avevano rigettato la richiesta di estrometterlo dalla proprietà di tre appartamenti, alcuni appezzamenti di terreno e due ditte individuali. Ribisi, appartenente alla storica famiglia mafiosa di Palma di Montechiaro, è una delle figure di maggiore spessore della maxi inchiesta “Nuova Cupola”, eseguita da squadra mobile e commissariato di Porto Empedocle il 26 giugno del 2012. Da allora il palmese è detenuto in regime di 41 bis. Il processo ha accertato il suo ruolo di numero due di Cosa Nostra alle spalle del sambucese Leo Sutera.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Non emerge alcuna sproporzione", i giudici restituiscono conti correnti e libretti al boss
AgrigentoNotizie è in caricamento