Mafioso evade per il... prurito e va in farmacia: condannato

Cinque mesi e dieci giorni di reclusione all'ottantenne Antonino Pirrera che ha sempre sostenuto: "Non volevo fuggire, avevo la scabbia". L'anziano si era allontanato mentre stava scontando un residuo di una condanna a sei anni per associazione mafiosa, rimediata nell'operazione "Maginot"

Antonino Pirrera

Il giudice monocratico del tribunale di Agrigento, Katia La Barbera, ha condannato a cinque mesi e dieci giorni di reclusione, per l'accusa di evasione dagli arrresti domiciliari, Antonino Pirrera, 80 anni, di Favara, che si era allontanato arbitrariamente dalla sua abitazione, dove stava scontando un residuo di una condanna a sei anni per associazione mafiosa, rimediata nell'operazione "Maginot", per andare in farmacia.

L'anziano, difeso dagli avvocati Giovanni Castronovo e Chiara Proietto, si giustificò dicendo di essere stato costretto a uscire di casa perchè affetto dalla scabbia e, vivendo da solo, non poteva chiedere a nessun altro di acquistare farmaci che gli curassero i bruciori e il prurito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il pubblico ministero Antonella Carrozzieri aveva chiesto la condanna a 9 mesi mentre la difesa, che ha chiamato a testimoniare il medico di famiglia, aveva sollecitato l'assoluzione sostenendo che non avesse alcuna intenzione di sottrarsi alla detenzione domiciliare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo tampone positivo, Agrigento dopo oltre 2 mesi non è più Covid free

  • Scoppia l'incendio a Giokolandia: le fiamme altissime distruggono le attrezzature del parco giochi

  • Scoppia l'incendio mentre il camion è sul viadotto, motrice invasa dalle fiamme

  • "Minacce di morte e calci nella pancia alla fidanzata incinta", la donna lo perdona e ritira la querela

  • Gruppetto di tunisini sbarca a San Leone: i migranti scappano a gambe levate

  • Tenta di bloccare tunisino in fuga da Villa Sikania e viene aggredito: poliziotto finisce in ospedale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento