rotate-mobile
Mafia Campobello di Licata

"Nessun elemento nuovo dopo la condanna", no alla revisione del processo per Falsone

La Cassazione boccia definitivamente la richiesta di un nuovo giudizio per il fratello del boss

Arriva il no, quello definitivo, da parte della Corte di Cassazione: Calogero Falsone, cinquantaduenne fratello di Giuseppe Falsone, ex numero 2 di Cosa Nostra siciliana, sconterà interamente la condanna a 13 anni e 6 mesi per tentato omicidio. La Suprema Corte, alla quale si è rivolta il difensore, l'avvocato Angela Porcello, ha rigettato la richiesta di revisione del processo.

“La Corte di appello di Caltanissetta non ha valutato in maniera corretta la circostanza che era stata suggerita una prova, mai acquisita nella fase processuale”: con queste motivazioni la difesa insisteva e tornava a chiedere un nuovo processo, dopo il no dei mesi scorsi dei giudici nisseni che avevano bocciato l'istanza pur dando il via libera al primo vaglio. L’udienza, per discutere il nuovo ricorso, è stata celebrata lunedì e ieri mattina è arrivato il verdetto. Nessun nuovo giudizio, dunque, per il fratello maggiore del boss che, secondo quanto sostenuto dalla difesa, avrebbe avuto diritto a un nuovo processo perché, quando fu giudicato, non era emersa la patologia di natura psichiatrica di cui soffrirebbe.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Nessun elemento nuovo dopo la condanna", no alla revisione del processo per Falsone

AgrigentoNotizie è in caricamento