Brucia un furgone della polizia a Lampedusa, il sindaco: "Abbandonati dal Governo"

Nessun dubbio, non per la Questura, sul fatto che le fiamme sono state di matrice accidentale. Totò Martello: "La macchina per rilevare le impronte digitali all'interno del centro d'accoglienza è guasta"

Il furgone della polizia che ha avuto una fiammata all'interno

Brucia un furgone della polizia di Stato, posteggiato in strada, a Lampedusa. Il sindaco delle Pelagie, Salvatore Martello, lancia - e non è la prima volta nelle ultime settimane - l'allarme: "Siamo abbandonati a noi stessi e temo che questa sia una scelta ben precisa, così si crea il caos e poi si scarica la colpa su di noi". 

L'incendio del furgone della polizia di Stato - una fiammata che ha provocato danni all'interno dell'abitacolo - è stato di matrice accidentale. Lo hanno chiarito, già stanotte stessa, i vigili del fuoco del distaccamento isolano che sono accorsi sul posto e che hanno provveduto a spegnere il rogo prima che si estendesse. A quanto pare - stando a quanto è stato ufficializzato dalla Questura di Agrigento - è rimasta accesa una luce posteriore e s'è innescato un cortocircuito. "Nessun dubbio, è stato di un incendio accidentale" - chiarisce il questore Rosa Maria Iraci che aggiunge: "Nessun caos sull'isola". 

"Per comprendere qual è il livello di attenzione di questo Governo nei confronti di Lampedusa, basta dire che la macchina per rilevare le impronte digitali all'interno del centro d'accoglienza è guasta. Senza strumenti non si può garantire nulla - ha detto, poco prima, il sindaco di Lampedusa Martello - . Questa notte un furgone della polizia, parcheggiato in strada, ha preso fuoco. Siamo abbandonati a noi stessi". 

incendio furgone polizia lampedusa-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Temporali, vento e grandine: strade chiuse, crolli, alberi caduti ... ma Licata è in ginocchio

  • La mareggiata fa danni, annientato e distrutto uno dei principali chioschi delle Dune

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento