Cronaca Campo sportivo / Via Callicratide

Celebrati i funerali di Chiara La Mendola, il pastore: "Siamo tutti responsabili"

Il pastore valdese: "Ognuno di noi ha parte della colpa. Perché abbiamo lasciato a qualcuno la possibilità di camminare mentre noi inciampavamo. Viviamo in un mondo ingiusto". E un tombino si apre sull'asfalto al termine della cerimonia

Il feretro di Chiara esce dalla chiesa

"Siamo tutti responsabili della morte di Chiara. Questa giovane ragazza è andata via per un incidente che si sarebbe potuto evitare. Ma ricordiamoci che Gesù entrò nel tempio dei potenti e rovesciò tutto perché la corruzione aveva preso il posto dei veri bisogni del popolo". Parole dure e piene di significato quelle pronunciate dal pastore Valdese Francesco Sciotto, che oggi pomeriggio nella chiesa evangelica di via Callicratide ha celebrato la cerimonia funebre di Chiara La Mendola, la ragazza di 24 anni morta il pomeriggio del 30 dicembre in via Cavaleri Magazzeni, ad Agrigento, a seguito di un incidente stradale

"C'è il fondato sospetto - ha detto ancora il pastore Valdese - che questa morte si poteva evitare. E per questo appare ancora più inspiegabile. Ognuno di noi ha parte della colpa. Perché abbiamo lasciato a qualcuno la possibilità di camminare mentre noi inciampavamo. Viviamo in un mondo ingiusto, in cui può anche spezzarsi una vita come quella di Chiara". 

?

L'INCIDENTE. Chiara La Mendola è deceduta il pomeriggio del 30 gennaio. E' finita sull'asfalto di via Cavaleri Magazzeni, a poche centinaia di metri dalla chiesa di San Gregorio, dopo aver perso il controllo del ciclomotore che guidava. La dinamica è ancora al vaglio degli agenti della polizia locale, che indagano sul fatto su delega della Procura della Repubblica di Agrigento. Chiara, dopo aver perso il controllo del mezzo, ha urtato contro una Nissan Micra che procedeva in senso contrario, per poi finire la corsa scivolando sull'asfalto. La causa dell'incidente sembrerebbe essere una profonda buca presente sul luogo dell'incidente, che la ragazza avrebbe preso in pieno o avrebbe tentato di schivare. E così in tanti hanno puntato il dito contro l'Amministrazione comunale.

E IL TOMBINO SI APRE ALLA FINE DELLA CERIMONIA. E proprio al termine dei funerali di Chiara, la cui morte potrebbe essere stata causata dalle condizioni della strada, un tombino si è improvvisamente aperto in via Callicratide, dinnanzi la chiesa, al passaggio dell'auto dei parenti della ragazza, scatenando l'ira di tutti i presenti. "Vergogna! La città sta sprofondando. Sindaco, dove sei?" hanno urlato in tanti all'indirizzo del primo cittadino, Marco Zambuto, che da poco aveva lasciato il luogo della funzione religiosa. 

IL VIDEO -> La gente: "Vergogna! Sindaco, dove sei?"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Celebrati i funerali di Chiara La Mendola, il pastore: "Siamo tutti responsabili"

AgrigentoNotizie è in caricamento