menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Chiara La Mendola

Chiara La Mendola

Agrigento sotto shock per la morte di Chiara La Mendola, la Polizia torna sul posto

La polizia locale, che su delega della Procura indaga sull'accaduto, è tornata sul luogo del tragico incidente. Ancora rilievi e misurazioni, per cercare di chiarire la dinamica dello scontro

Rabbia, rabbia e soltanto rabbia. C'è una famiglia distrutta, che ha perso per sempre l'affetto di una ragazza solare e carismatica. Ma c'è anche tanta, tantissima rabbia. La morte di Chiara La Mendola, la 24enne di Agrigento vittima di un incidente stradale ieri sera mentre era a bordo del suo scooter in via Cavaleri Magazzeni, sarebbe stata provocata verosimilmente da una buca sull'asfalto, a poche centinaia di metri dalla chiesa di San Gregorio.

IL PARROCO: "QUELLA BUCA DENUNCIATA QUATTRO MESI FA"

Per la sua vita adesso in tanti chiedon giustizia. A partire dagli abitanti di quella zona, che - come già detto ieri sera, pochi minuti dopo l'incidente - avevano più volte denunciato in passato le condizioni precarie di quella strada provinciale. La sezione Infortunistica stradale della polizia locale di Agrigento, che su delega della Procura della Repubblica indaga sull'accaduto, è tornata stamani sul luogo del tragico incidente. Ancora rilievi e misurazioni, per cercare di chiarire la dinamica dello scontro.

Non è ancora chiaro se la ragazza abbia tentato di schivare la buca o se l'abbia presa in pieno con la ruota del suo scooter. Fatto sta che Chiara avrebbe proprio in quel punto perso il controllo del mezzo a due ruote, per poi scontrarsi lievemente contro una Nissan Micra che procedeva in senso contrario e finire la sua corsa scivolando sull'asfalto. Sul posto ieri sera è intervenuta un'ambulanza del 118 e un'automedica, con a bordo il medico rianimatore. I sanitari hanno tentato di tutto per strappare alla morte la giovane agrigentina.

Adesso si chiede giustizia. Sul social network Facebook in tanti puntano il dito contro gli amministratori e contro la politica, "impegnata a spartirsi le poltrone e strafottente delle condizioni in cui viviamo". Ma per le cause e per le condanne c'è sicuramente tempo. Per la giovane e dolce Chiara, invece, il tempo si è improvvisamente ed ingiustamente fermato a 24 anni. E questo non deve succedere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento