In trasferta per rubare al market, sei condanne per direttissima

In due hanno patteggiato, altri quattro hanno scelto il giudicio abbreviato: pene fino a 7 mesi e 15 giorni

Sei condanne per direttissima per un furto in trasferta in un supermercato di Cammarata: sono state decise, nel pomeriggio, dal giudice monocratico Gianfranca Claudia Infantino che ha ratificato due patteggiamenti e inflitto pene fino a 7 mesi e 15 giorni, ben più severe - nonostante, peraltro, in tutti i casi fosse prevista la riduzione di un terzo per il rito - di quelle proposte dal pubblico ministero Alfonsa Fiore al termine della requisitoria.

Gli arresti sono stati eseguiti dai carabinieri lo scorso 27 marzo. A finire nei guai sono stati i favaresi Mario Bellavia di 26 anni; Carmelinda Cusumano di 35 anni; Angela Pisciotto di 23 anni; Maria Bellavia di 43 anni; Girolama Vella di 54 anni ed Elisabetta Giglia, agrigentina, di 35 anni. A Bellavia è stata contesta anche la violazione alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale perché si sarebbe messo alla guida dell'autovettura senza patente poiché revocata. 

Gli imputati avrebbero portato via generi alimentari, detersivi e prodotti per la casa per un valore di circa 160 euro. Merce che sarebbe stata - secondo l'accusa - sottratta dagli scaffali e occultata sotto i vestiti o nelle borse in loro possesso. Anche dal negozio di casalingi - con le stesse modalità - si sarebbero impossessati di detersivi e prodotti per la casa dal valore complessivo di circa 140 euro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A tradire gli imputati, difesi dagli avvocati Salvatore Cusumano e Giuseppe Zucchetto, sono state le telecamere a circuito chiuso. Cusumano e Pisciotto hanno patteggiato 5 mesi e 10 giorni di reclusione. Il pubblico Alfonsa Fiore aveva chiesto due mesi per Maria Bellavia, Giglia e Vella e due anni per Mario Bellavia in considerazione della recidiva specifica. Il giudice ha inflitto 7 mesi e 15 giorni a Mario Bellavia e 5 mesi e 10 giorni agli altri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scoppia l'incendio mentre il camion è sul viadotto, motrice invasa dalle fiamme

  • Si erano perse le tracce da una settimana, la favarese Vanessa Licata è stata ritrovata

  • Tenta di bloccare tunisino in fuga da Villa Sikania e viene aggredito: poliziotto finisce in ospedale

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Lunghe attese al pronto soccorso? Scoppia il tafferuglio, 4 feriti: pure 2 infermieri

  • Movida a rischio, altra rissa tra giovanissimi a San Leone: volano pugni

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento