Martedì, 16 Luglio 2024
Cassazione / Favara

Appropriazione indebita e autoriciclaggio, confermato sequestro a imprenditrice

Maria Barba, 40 anni, detta Giusy, ex moglie di Salvatore Lupo, ucciso il giorno di Ferragosto del 2021, operava nel settore dell'assistenza ad anziani e disabili: il denaro guadagnato illecitamente nella Onlus veniva reimpiegato

La Cassazione ha confermato, rendendolo definitivo, il sequestro eseguito lo scorso ottobre dalla Direzione investigativa antimafia, su disposizione del procuratore della Repubblica facente funzioni di Agrigento, Salvatore Vella e del sostituto Gloria Andreoli, finalizzato alla confisca per equivalente in danno al patrimonio di una imprenditrice favarese, Giusy Barba, 40 anni, attiva nel settore dell’assistenza agli anziani e disabili, indagata per i reati di appropriazione indebita ed autoriciclaggio.

I sigilli erano stati apposti a dieci immobili e due conti correnti bancari. "L’attività di indagine economico-finanziaria  degli investigatori della Dia - secondo la ricostruzione della procura - attraverso l’analisi di scritture contabili, libri sociali, movimentazione di rapporti finanziari, nonché copioso altro materiale documentale, ha permesso, sostanzialmente, di ricostruire il modus operandi adottato dai soggetti coinvolti accertando come siano riusciti nel tempo a reimpiegare il denaro provento dell’attività illecita scaturita dalla gestione di una società cooperativa Onlus".

Maria Giusy Barba è l'ex moglie di Salvatore Lupo, "dominus" della Onlus ed ex presidente del consiglio comunale di Favara, ucciso il giorno di Ferragosto del 2021. Per il delitto è stato arrestato ed è finito a processo il padre della donna, Giuseppe Barba, che lo avrebbe assassinato per i contrasti economici legati alla separazione con la figlia.

La stessa donna è stata rinviata a giudizio insieme all'ex marito per l'accusa di estorsione nell'ambito di un'inchiesta che ipotizza il pizzo col "cavallo di ritorno" ai dipendenti della cooperativa. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appropriazione indebita e autoriciclaggio, confermato sequestro a imprenditrice
AgrigentoNotizie è in caricamento