rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca

La fabbrica dei falsi invalidi davanti al gup, Cgil e Asp ammessi come parte civile

Rigettate le richieste di costituzione di altre associazioni: all'udienza preliminare sul secondo filone delle indagini sono imputati in 47 fra medici e pazienti

La Cgil e l'Asp si sono costituite parte civile, restano - al contrario - fuori dal processo l'associazione Codici e Nuove ali che hanno presentato la richiesta ma non sono state ritenute dal giudici come parti "potenzialmente danneggiate" dalla condotta degli imputati. 

E' entrata nel vivo l'udienza preliminare scaturita dal secondo filone di indagini dell'inchiesta, chiamata "La carica delle 104", che ipotizza l'esistenza di una vera e propria "fabbrica dei falsi invalidi". Il sindacato e l'azienda sanitaria - rappresentati rispettivamente dagli avvocati Floriana Salamone e Giacomo Butera - saranno, così, parte nel procedimento.

Intanto il pubblico ministero Paola Vetro ha precisato meglio le condotte descritte nei capi di imputazione sulla base di quanto aveva ordinato il gup Giuseppe Miceli. 

I difensori, sulla base delle nuove accuse, hanno chiesto un termine per esaminare la nuova documentazione e l'udienza è stata aggiornata al 6 giugno. Sono 47 gli imputati di questo stralcio processsuale.

Sotto accusa, per le ipotesi di reato di falso e truffa, quattordici medici, accusati di avere rilasciato false certificazioni per patologie inesistenti o accentuate rispetto alla reale entità, e una trentina pazienti che, grazie a certificati falsi, avrebbero beneficiato di previdenze di vario tipo. Nella lista anche alcuni insegnanti che, con questo stratagemma, avrebbero ottenuto l'assegnazione di una sede vicino casa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La fabbrica dei falsi invalidi davanti al gup, Cgil e Asp ammessi come parte civile

AgrigentoNotizie è in caricamento