Via libera ai lavori contro il dissesto, il Tar "salva" appalto da 5 milioni

Il Comune di Ravanusa potrà eseguire le opere per mettere in sicurezza la zona sud-est ma ci sarà un'udienza per la trattazione nel merito

Via libera dal Tar all'appalto dei lavori, per un importo di poco inferiore ai 5 milioni di euro, che serviranno a mettere in sicurezza la zona sud-est di Ravanusa, a forte rischio idrogeologico.

I giudici amministrativi hanno emesso un'ordinanza con la quale dispongono, accogliendo le tesi del legale dell'ente, l'avvocato Angelo Sutera dello studio "Scozzari e associati", il rigetto del ricorso del Comune di Tripi. I legali dell'ente del piccolo centro del Messinese chiedevano che venisse annullata la graduatoria, stilata dal dipartimento dell'Ambiente della Regione siciliana che individuava le opere ammesse al finanziamento e quelle escluse. Il provvedimento "salva" l'assegnazione di fondi pure per il Comune di Palma che, però, non si è costituito in giudizio. 

L'ordinanza dei giudici del Tribunale amministrativo, presieduta da Maria Cristina Quiligotti, estensore del provvedimento, prevede in ogni caso la fissazione dell'udienza pubblica per la trattazione del merito che è stata messa in calendario per il 9 dicembre. La domanda cautelare, però, è stata respinta con la conseguenza che il Comune di Ravanusa potrà appaltare i lavori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento