menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ARCHIVIO)

(foto ARCHIVIO)

Demolizione degli immobili abusivi, aggiudicato l'appalto per Palma di Montechiaro

Gli interventi sono stati affidati all'indomani dell'avviso a comparire notificato, dai carabinieri della sezione Pg della Procura, al sindaco Stefano Castellino in quanto indagato per le ipotesi di reato di falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, rifiuto di atti d'ufficio e abuso d'ufficio

Il Libero consorzio comunale ha aggiudicato - per un importo complessivo di 171 mila euro - i lavori di demolizione degli immobili abusivi di Palma di Montechiaro. E lo ha fatto nella qualità di stazione unica appaltante. Delle demolizioni si occuperà, dunque, - anche se l'aggiudicazione, naturalmente, è stata fatta in via provvisoria - la "Conpat Scarl" che ha offerto un un ribasso del 36,7565 per cento per un importo netto di 102.739,07 euro, ai quali vanno aggiunti 8.550 euro per oneri di sicurezza non soggetti a ribasso, per un importo contrattuale di 11.289,07 euro. Seconda in graduatoria si è posizionata, invece, l’impresa Consorzio stabile progettisti che ha offerto un ribasso del 27,3253 per cento. 

L'aggiudicazione dei lavori di demolizione degli immobili abusivi è avvenuta oggi, praticamente all'indomani dell'avviso a comparire notificato, dai carabinieri della sezione Pg della Procura, al sindaco di Palma di Montechiaro, Stefano Castellino, in quanto indagato per le ipotesi di reato di falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, rifiuto di atti d'ufficio e abuso d'ufficio.

Castellino - diventato capo dell'amministrazione lo scorso giugno, dopo le dimissioni del predecessore: Pasquale Amato - non ha proseguito l'opera del commissario straordinario Antonino La Mattina che in bilancio aveva previsto 275 mila euro per le demolizioni dei fabbricati abusivi. Demolizioni di opere per le quali era arrivata la sentenza definitiva e che "per ragioni di giustizia - scrive la Procura - dovevano essere demoliti senza ritardo".

"Come emerge dai fatti e dunque dall'aggiudicazione della gara d'appalto - ha spiegato il sindaco di Palma di Montechiaro Stefano Castellino - vi è tutto l'interesse per l'affermazione della legalità e degli interessi dello Stato. Abbiamo, revocando il protocollo d'intesa sottoscritto con la Procura per la demolizione degli immobili abusivi, semplicemente individuato altre priorità di scelta degli immobili da abbattere. E primi fra tutti quelli che appartengono ai mafiosi. Come avevo detto in campagna elettorale, vogliamo, dove è possibile, - aggiunge il sindaco di Palma - salvare l'immobile per destinarlo ad usi pubblici, senza però farlo diventare un peso per le casse comunali". 

Il Libero consorzio comunale di Agrigento ha aggiudicato, sempre oggi e sempre per il Comune di Palma di Montechiaro, il secondo stralcio dei lavori di realizzazione di nuovi loculi e sistemazione delle zone interne al cimitero comunale, con un importo a base d’asta di 224.953,76 euro. L’appalto è stato provvisoriamente all’impresa "Marino Rosario Srl società unipersonale" che ha offerto un ribasso del 26,8967 per cento per un importo netto di 159.402,20 euro. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento