menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ex sindaco Marco Zambuto

L'ex sindaco Marco Zambuto

"La frana del viale con 60 sfollati", ex assessore parte civile contro Zambuto

Il farmacista Paolo Minacori, costretto a chiudere l'attività dopo il crollo del costone, si costituisce in giudizio nei confronti dell'ex primo cittadino che lo aveva nominato nella giunta. Altri condomini e commercianti fanno la stessa scelta. Cinque gli imputati

L’avvocato Salvatore Pennica - uno dei più noti penalisti agrigentini -, la moglie, il farmacista Paolo Minacori, il gioielliere D’Angelo, il condominio Crea e alcuni condomini saranno parte civile: è iniziata l’udienza preliminare e alcuni sfollati della palazzina del viale della Vittoria hanno chiesto di costituirsi in giudizio contro l’ex sindaco Marco Zambuto, il dirigente dell’ufficio tecnico comunale, Giuseppe Principato, e i tre proprietari dei terreni le cui condizioni fatiscenti avrebbero provocato il crollo del costone del viale della Vittoria. Si tratta di Maria Isabella Sollano, 75 anni, e dei figli Valentina e Oreste Carmina, 49 e 46 anni, proprietari di alcuni terreni prospicienti al costone.

Gli avvocati Alfonso Neri, Giuliana Vullo, Anna Americo, Andrea Gemma e Salvatore Maurizio Buggea hanno chiesto di costituirsi in giudizio (Minacori, peraltro, è ex assessore della giunta Zambuto mentre Pennica fu suo candidato a sindaco rivale) ma i difensori degli imputati, gli avvocati Antonino Gaziano, Nicola Grillo e Rosa Salvago, hanno chiesto un termine per esaminare le richieste. Peraltro una istanza di costituzione deve essere ancora formalizzata. Si torna in aula il 5 giugno. L’udienza preliminare è in corso davanti al giudice Alfonso Malato.

L’accusa a carico dei cinque imputati è di disastro colposo. Zambuto e Principato, secondo il pm Andrea Maggioni che ne ha chiesto il rinvio a giudizio, sapevano “già due anni prima del crollo della grave situazione di pericolo”, tanto che avevano messo per iscritto anche un’ordinanza di messa in sicurezza ma senza preoccuparsi che venisse rispettata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento