Giovedì, 16 Settembre 2021
Cronaca

Via Atenea e San Leone a rischio assembramento: scattano divieti fino al 21 febbraio

Il provvedimento è stato firmato dal sindaco in qualità di autorità sanitaria locale al fine di prevenire il pericolo di diffusione del Covid

(foto ARCHIVIO)
La Sicilia si avvia alla seconda settimana di zona arancione e il Comune di Agrigento punta a ridurre il rischio di assembramenti e stazionamenti. A firmare un'ordinanza ad hoc è stato il sindaco Franco Micciché in qualità di utorità sanitaria locale.al fine di garantire un "un particolare controllo da parte delle forze dell'ordine durante l’arco della giornata, che miri a scoraggiare tali fenomeni".
Il provvedimento, che sarà vigente dal prossimo 8 febbraio fino al prossimo 21 febbraio, impone un divieto di assembramenti in alcune zone dellacittà ritenute "a particolare rischio di diffusone Covid-19" stante che nelle stesse si creano "occasioni di concentrazione e aggregazione di persone che possono favorire, per la loro naturale dinamicità, un’attenuazione, anche involontaria, del grado di osservanza sia delle misure riguardanti il distanziamento interpersonale, sia del divieto di assembramento".
Le aree individuate sono quelle di via Atenea e dell'area del e lungomare Falcone Borsellino, nel tratto compreso tra la parte finale di viale Viareggio ed il piazzale Giglia, compresi i giardinetti di via Nettuno,
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Atenea e San Leone a rischio assembramento: scattano divieti fino al 21 febbraio

AgrigentoNotizie è in caricamento