Dopo il centro città, il bazar della merce contraffatta torna a San Leone

Decine di ambulanti senza regola hanno affollato il lungomare "Falcone e Borsellino". Borse e scarpe, tutta merce fake esposta in "bella" mostra

Dopo il centro cittadino, il bazar della merce contraffatta “conquista” anche San Leone. Dopo la tregua di fine estate, ieri, è tornano un mercato a cielo aperto di ambulanti senza regole. Borse, scarpe, bracciali e occhiali da sole: tutta merca contraffatta.

Gli ambulanti hanno trovato spazio in pieno lungomare Falcone e Borsellino. Un biglietto da visita che San Leone, di certo, non merita. Ad intervenire sul mercato della merce contraffatta è l’agrigentino Giuseppe Di Rosa.

Via Atenea, riecco il "bazar" a cielo aperto: decine di borse contraffatte

"Oramai ci siamo anche noi stancati di scriverlo e segnalarlo alle autorità, mercato di merce contraffatta ad Agrigento con precisione le foto si riferiscono al lungomare 'Falcone e Borsellino' visto che sembra impossibile per le autorità competenti contrastare il mercato illegale di merce contraffatta. Abbiate la decenza di cambiare nome al lungomare nel rispetto di due galantuomini che ci credevano e che lottavano contro l’illegalità". 

Soltanto l’estate scorsa il maxi controllo ha coinvolto San Leone. Sono state centinaia le borse, ma anche scarpe e collane sequestrate. Tutta merce, neanche a dirlo, contraffatta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Abbiamo più volte denunciato il tutto alle autorità competenti, a distanza di tempo, ci chiediamo il perché si continuano a perseguitare i commercianti agrigentini, ed invece si agevola la vendita ed il proliferare di mercati abusivi di merce contraffatta in tutta la città con grave danno di immagine per la città, ed economico nei confronti dei commercianti agrigentini che pagano regolarmente le tasse al governo Italiano ed al comune di Agrigento.In pieno centro balneare - dice Di Rosa - dentro il porticciolo turistico che dovrebbe e potrebbe essere il fiore all'occhiello della nostra estate, in terreno demaniale, si effettua senza nessun controllo la vendita di merce contraffatta senza controlli mentre l'Amministrazione si vanta e sposta le attenzioni su altro. Da non sottovalutare, che il mercato 'abusivo' è anche sfornito delle più elementari prescrizioni sanitarie ad iniziare dai bagni pubblici con clienti e commercianti occasionali, obbligati ad utilizzare ogni angolo del lungomare come latrina per i propri bisogni fisiologici". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • "Fase 2": movida e assembramenti, alcol vietato dalle 21 e locali chiusi a mezzanotte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento