menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ARCHIVIO)

(foto ARCHIVIO)

Bar e ristoranti in crisi, impossibile pagare gli affitti: cresce il rischio sfratti

La Fipe, sigla di Confcommercio per le attività della ristorazione, ha già incontrato il sindaco Franco Miccichè

Crisi del commercio e del settore della ristorazione a causa delle misure restrittive finalizzate al contenimento della diffusione del Covid-19, per gli imprenditori la nuova emergenza si chiama rischio sfratti.

“Gli effetti devastanti della pandemia sulla tenuta psicologica degli imprenditori che operano nei settori maggiormente colpiti dalla crisi economica non possono più essere sottovalutati - dice Gabriella Cucchiara, presidente provinciale della Fipe di Agrigento -. La consegna a domicilio da noi non funziona e non può sopperire al crollo dell'attività di ristorazione, mentre dico ai gestori di non aver paura a chiedere aiuto, noi ci siamo e siamo pronti ad offrire anche un sostegno psicologico perchè il Covid non colpisce solo l’economia ma anche l’umore di ognuno di noi”. 

Proprio sul tema degli sfratti, Fipe ha avuto un incontro con il sindaco di Agrigento Francesco Miccichè nei giorni scorsi. "Stiamo comunque parlando anche con gli altri sindaci della provincia - dice ancora - perchè chi non è proprietario dei locali in cui lavora è allo stremo. Per fortuna adesso in Sicilia siamo in zona gialla, speriamo che la parziale riapertura possa dare ossigeno alle famiglie del settore. Ricordo a tutti - ha concluso Cucchiara - che Fipe ha attivato un numero telefonico di supporto, non abbiate vergogna a contattarci”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento